Connect with us

Hi, what are you looking for?

Reportage Live

LEWIS CAPALDI: foto, reportage e scaletta del concerto di Milano

Articolo di Roberta Ghio | Foto di Roberto Finizio

Registra un tutto esaurito al Fabrique di Milano Lewis Capaldi, il ventitreenne artista scozzese, che dopo aver dominato le classifiche UK con il singolo Someone you loved, conquista il pubblico d’oltreoceano raggiungendo la vetta delle classifiche americane. Non stupisce pertanto che, ad accoglierlo nel capoluogo meneghino, il pubblico sia multilingua e prevalentemente di giovane età, anche se non mancano i rappresentanti della mia generazione, tutti parte attiva di un live definito dallo stesso Capaldi a fine serata “Lo spettacolo preferito di questo tour”. Che sia lusinga o verità non è dato sapere, ma credo che questo concerto Lewis lo conserverà nella memoria per un bel po’ di tempo. Vi racconto la serata.
Il cambio luci e l’invito “Enjoy the show!” da parte di una voce fuori campo, provocano una immediata standing ovation di cellulari, pronti ad immortalare l’ingresso sul palco di Scottish Beyoncé. In primis, fa il suo ingresso la band, che vediamo attraversare le spesse luci rosse e prendere posto; dopo pochi istanti, lui, Lewis: bicchiere di carta in mano, fare furtivo ed espressione di chi sembra passare lì per caso sperando di non essere visto, look in linea con la sua giovane età, viene immediatamente accolto da urla e tanto amore.

Qualche secondo e la serata prende il via con Grace, brano tratto dal suo album di debutto Divinely Uninspired To A Hellish Extent (titolo che la dice lunga sull’ironia e sulla personalità Capaldi), che si contraddistingue per l’iniziale appello malinconico e implorante urlato al cielo, con voce potente e qualche ruvidezza, e attraverso l’incalzante ritmo crescente sfocia in note salvifiche, che sanno di speranza, una speranza cantata con timbro pulito e sostenuta a piena voce dal pubblico. Giusto il tempo di godersi il calore dell’applauso di una sala in visibilio e, imbracciata la chitarra, via all’intima Forever, illuminato da un cono di luce bianca che taglia la coltre blu ghiaccio in cui sono avvolti i musicisti. Quello che emerge chiaramente fin dai primi brani non è solo la bravura di Capaldi, la sua potenza vocale, l’abilità nel passare da un ritmo all’altro e nel gestire sapientemente il suo timbro per portarlo dal ruvido al pulito, nel giro di poche note, a seconda dell’emozione cantata, ma anche la sua simpatia, la sua maturità nel tenere il palco e nel saper creare un rapporto accattivante e di immediata confidenza con il pubblico, con cui ha uno scambio continuo, fatto di sguardi e di battute. E quello che ha reso grande la serata al Fabrique, oltre a Lewis ovviamente, è proprio il pubblico, che non ha perso una nota o una strofa, pronto ad interagire con il palco in ogni momento, lasciando stupito lo stesso Capaldi, prontissimo a farsi coccolare e ricambiare tanto amore. È un attimo che lo vediamo partecipe nel coro di “Luigi! Luigi!” che si alza dopo i primi brani per poi fare sue le note di “Sei bellissimo” dedicatagli da un gruppo di fan, trasformandole in You’re beautiful di James Blunt, ripresa più volte, come intercalare, durante il live. Grande carisma e consapevolezza, oltre a tanto talento. La serata scorre così, tra emozioni e risate, tra l’ondeggiare romantico di Don’t Get Me Wrong, che Luigi sdrammatizza mimando il testo per guidare il pubblico (sì, è geniale!) e le note profonde di Mercy, con il suo potente crescendo emotivo. Le avvolgenti Bruises e Lost on you si fondono in un’unica lunga ballad di solo voce e piano in un’esecuzione intensa e profonda che crea un momento molto intimo, dal quale con naturalezza nasce l’intro, di solo chitarra e voce, della toccante Headspace.

Dall’avvolgenza di questa sequenza di brani alla trascinante Hollywood, con l’ allegro momento di botta e risposta fatto di strofe cantate a cappella in duetto col pubblico. Termina il live l’attesissima Someone You Loved, sulla quale la sala, se possibile, si supera, regalando una grossa emozione a chi è sul palco e stupendo sé stessa per la meraviglia che, insieme, si sta creando. Ed io, avvolta nel cinismo di un mercoledì di fine ottobre, che per età potrei essere genitore della maggior parte dei ragazzi presenti e che concerti ne ho visti tanti, non posso che restare a bocca aperta ed amare questa magia. Non so cosa riserverà il futuro a Lewis Capaldi o cosa lui vorrà dare al suo pubblico, ma una cosa è certa: non fidatevi delle apparenze. Dietro a quel fare marcatamente goffo, quel modo di porsi da anti divo e di giocare con la propria immagine in modo molto intelligente e autoironico c’è un artista, un giovane uomo maturo, consapevole e concreto, che trasmette molto bene, grazie al suo talento, quello che sono le sue emozioni, fatte di malinconia e tristezza, ma non abbandona chi lo ascolta nel dolore, bensì lo risolleva, grazie ad un approccio che sdrammatizza e dà respiro anche a fronte dell’emozione più cupa. Non è da tutti emozionare divertendo. Lui lo sa fare benissimo.

Clicca qui per vedere le foto di Lewis Capaldi in concerto a Milano (o sfoglia la gallery qui sotto)

Lewis Capaldi

LEWIS CAPALDI – La setlist del concerto di Milano

Grace
Forever
Don’t Get Me Wrong
Mercy
One
Maybe
Bruises
Lost on You
Headspace
Hollywood
Fade
Hold Me While You Wait
Someone You Loved

Written By

Nata e vissuta sul mare, da qualche anno a Milano dopo una parentesi romana. Cresciuta a pane e Bruce Springsteen, da un lato gli studi scientifico matematici, un lavoro nell'IT che mi appassiona, dall'altro l'amore per la pittura, la scultura, la fotografia, il teatro e i film di Sergio Leone. Amo sia visitare città, sia la natura e lo stare all'aria aperta. La musica è una costante nella mia vita, ogni momento ha una colonna sonora; amo soprattutto la musica dal vivo, unico modo per conoscere veramente un artista. Amo scrivere e sono alla costante ricerca del modo migliore per tradurre su carta le emozioni. Sono profondamente convinta dell'importanza dell'amare e del mettere passione in tutto quello che si fa... con anche un pizzico di ironia!

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Interviste

Intervista di Stefania Clerici Avremmo dovuto vederli sabato 7 marzo in concerto al Fabrique di Milano, ma ovviamente in ottemperanza all’ordinanza emessa dalla Regione...

Reportage Live

Foto di Marco Arici La maggior parte delle persone forse la conosce ancora come Violetta, la protagonista dell’omonima telenovela argentina per ragazzi, che ha interpretato...

Reportage Live

Articolo di Roberta Ghio | Foto di Giorgia De Dato Appuntamento al Fabrique di Milano con i Calibro 35 per conoscere live il loro...

Reportage Live

Foto di Marco Arici Il duo folk rock dei Milky Chance è tornato in Italia per un nuovo concerto al Fabrique di Milano, per presentare il terzo album “Mind the...