Connect with us

Hi, what are you looking for?

Reportage Live

I PRETTY RECKLESS a Milano, quando Gossip Girl ci insegna il vero rock’n’roll

La band di Taylor Mosen a Milano per un concerto rock altamente glam

Credo che novembre sia il mese che meno si addice a Milano, che vive in una luce diversa e meno affascinante del solito. Sono poche le gioie offerte dalla città in questo periodo, per fortuna però c’è l’Alcatraz sotto casa che ogni sera mi regala concerti meravigliosi.

Incurante della pioggia e dei capelli rovinati dall’umidità mi dirigo alla venue per assistere a un concerto davvero particolare, i Pretty Reckless sono in prima linea tra le band degli ultimi 20 anni che cercano di infondere nuova vita al rock’n’roll quello strong e a tratti anche un po’ tamarro.

La cantante Taylor Momsen è una vera star: dopo aver raggiunto la fama nei panni di Jenny Humphrey in “Gossip Girl” ha formato la band nel 2009 e non si è mai guardata indietro. Tuttavia, i Pretty Reckless non sono un semplice giocattolo di qualche ragazzino di Hollywood: Momsen è un vero investimento con una voce che può variare da una potenza mozzafiato a una delicatezza eterea.

The Pretty Reckless in concerto all’Alcatraz di Milano foto di Andrea Ripamonti per www.rockon.it

I Pretty Reckless salgono sul palco oscurato al suono di una sirena, prima che le luci si accendano e ci colpiscano con la title track dell’ultimo album Death By Rock And Roll, una dichiarazione d’intenti fumante che mette subito in evidenza la bravura vocale di Momsen. La cantante, che sfoggia un giubbotto di pelle e un cortissimo abito a sottoveste nero, ipnotizza la folla con i suoi capelli biondi, i più belli mai visti prima, tanto da far invidia anche a Barbie Magia delle Chiome. Mentre si aggira, si pavoneggia come un cigno nero, salta e si arrampica sul palco trasudando sensualità da ogni poro, emana il carisma di una vera rockstar. Non ci sono effetti speciali o pirotecnici, la band opta per un semplice sfondo con logo bianco su nero che serve solo a concentrare l’attenzione ancora di più sulla talentuosa cantante.

Parte dell’attrattiva del concerto risiede nella diversità dei testi delle canzoni finemente realizzate, che rifuggono dai pigri cliché spesso associati al genere rock/metal (anche se il fatto che molte di queste canzoni trattino del lato più oscuro dell’umanità può, in parte, essere spiegato dalla quantità di tempo che Taylor ha trascorso con il Grinch da bambina). Dalle sfumature vampiriche del primo singolo, “You Make Me Want To Die”, al dark fantasy di “My Bones”, fino a “Sweet Things”, un inquietante monito sui mali dell’abuso sessuale, la band è felice di esplorare un’intera gamma di temi ed emozioni. “Witches Burn”, dedicata a “tutte le donne del pubblico”, è un’allegoria femminista dei maltrattamenti subiti dalle donne nel corso dei secoli.

The Pretty Reckless in concerto all’Alcatraz di Milano foto di Andrea Ripamonti per www.rockon.it

Quando lo spettacolo giunge al culmine, Momsen appare più cool che mai con una chitarra al collo per la squallida notte brava e cattiva di “My Medicine”. Taylor non ha paura del suo femminismo, lo ostenta e sembra un’eroina del rock la sua voce è di grande effetto e la sua band è assolutamente all’altezza del compito.

Poi è arrivata “Heaven Knows”, hit radiofonica che ha consacrato la band in Italia, e l’esecuzione dal vivo ci ha regalato un meraviglioso e interattivo assolo di Ben Phillips, per la gioia di tutti i presenti.

La band torna per l’encore concludento  l’intera performance a un livello meritatamente alto con  “Nothing left to lose” e “Fucked Up World”.

I Pretty Reckless sono in tour in Europa ancora per qualche data prima di tornare negli U.S.A – potete trovare tutte le info sulla loro curatissima pagina Instagram – e se siete in giro, fidatevi di me, dovreste cercare di procurarvi un biglietto per andare a vederli dal vivo.

Clicca qui per guardare le foto del concerto dei Pretty Reckless a Milano (o sfoglia la gallery qui sotto)

The Pretty Reckless

Pretty Reckless – la scaletta del concerto di Milano

Since You’re Gone

Only Love Can Save Me Now

And So It Went

Make Me Wanna Die

Just Tonight

Sweet Things

Witches Burn

Goin’ Down

My Medicine

Going to Hell

Heaven Knows

Take Me Down

Encore:

Fucked Up World

Written By

Cinefila e musicofila compulsiva. Quando qualcosa mi interessa non riesco a tacere.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Reportage Live

I Verdena bruciano il palco dell'Alcatraz e ci trascinano in un viaggio psichedelico e disturbante capace di purificare corpo e spirito

Reportage Live

Il trio statunitense all'Alcatraz per presentare il nuovo album Ok Orchestra. In apertura l'irlandese Ryan Mack.

Reportage Live

Racconto della serata all'Alcatraz della band inglese, in tour con un nuovo album e un "nuovo" frontman

Reportage Live

Foto di Federico Buonanno | Articolo di Jennifer Carminati La data italiana del tour “European Siege 2021” inizialmente prevista lo scorso autunno per i...