Connect with us

Hi, what are you looking for?

Recensioni

TUCANO – Cold Cold

tucano-coldcoldJus De Balles

Il tastierista David Starr, conclusa l’esperienza degli OneFuckOne, a differenza del suo compagno di viaggio, che si è ritirato a vita privata, ha ben pensato di proseguire a produrre musica. Dopo l’ep omonimo di due anni fa, Starr pubblica questo lavoro sulla lunga distanza, post-prodotto da Mattia Coletti, infarcito di sperimentazioni industrial e synth-pop.

I brani sono sintetici, ma anche mantrici e percussivi (“Three gods – by the sun”), molto legati al sound per verti versi innovativo e deviato degli ’80 (“Trans ec autocontrol”), spesso sono ipnotici e costanti dall’inizio alla fine.

Ci sono momenti in cui le sperimentazioni, anche vocali, portano Starr a momenti dilatati o minimal (“I.b.d.p.”), quando non stridula (“Must be love”), portando alla mente i primissimi Velvet Underground. Intriganti poi quando introduce spunti di free jazz (“Surprised”). Il lavoro è uscito in edizione limitata su cassetta.

Written By

Vittorio Lannutti, ricercatore/sociologo delle migrazioni, counsellor, con una grave, cronica ed irreversibile dipendenza da rock.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social Network

instagram logo
facebook logo
twitter logo
flickr logo
youtube logo

Instagram

Caterina
27 Gen 23
Milano
Galeffi
27 Gen 23
Brescia
La SAD
27 Gen 23
Firenze
Nessun Inchino Finale Festival
28 Gen 23
Segrate
Galeffi
28 Gen 23
Bologna

Scopri anche...