Connect with us

Hi, what are you looking for?

Recensioni

SADSIDE PROJECT – Winter Whales War

Gorgoglianti, effervescenti, ondulanti. Ridenti e spensierate. Una corrente vorticante. Walt Whitman descriveva così nel suo After the Sea Ship la miriade di onde che si accalca al passaggio di una nave. E a pensarci bene è incredibile come quelle stesse parole, scelte dai Sadside Project per chiudere il loro nuovo disco Winter Whales War, rimarchino egregiamente le prodezze musicali del duo romano. Loro sono Domenico (batteria) e Gianluca (chitarra e voce) ma potrebbero benissimo chiamarsi Nick & Jack, vista l’indissolubile interconnessione con il tessuto rock d’oltreoceano, su cui si fonda l’essenza stessa del loro sound. In questo album non c’è un solo brano che non sia caratterizzato da concatenazioni melodiche cangianti e polimorfe: egemonia delle schitarrate, percussioni a intensità variabile e integrazione di basso ed elementi fiatistici per citare solo qualche ingrediente.

Se escludiamo lo spunto vintage del crooning 1959, che con il suo dondolio suadente ci riporta a uno svenevole ballo di fine anno, è possibile osservare d’emblée la predominanza del filone scoppiettante da “Friday night 4ever”: l’impeto post-grunge dell’ouverture The Same Old Story, che ben miscela inframmezzi lenti a frenetici colpi di bacchette, o il girogirotondo con coretti catchy di My Favourite Colour. E ancora, il contagioso baccanale ad oltranza mescolato a distensioni strumentali di This is Halloween o il tripudio bandistico di Edward Teach Also Known as Blackbeard e la vivace sarabanda Hold Fast.

Dopo tanto saltare e in mezzo all’amalgama iperattivo e rullante sono tre, il numero perfetto, i gioielli musicali di questo album: troneggiano i 3 minuti della roca emozione e del vulcanico hard blues di Nothing to Lose Blues. Stupenda, poi, l’ultra-camaleontica Molly, scelta a buon diritto dai nostri Nick & Jack come singolo di lancio, gioco ben studiato di trepide carezze, appassionante tanto nelle strofe quanto negli incisi. Il gran finale è affidato a Winter Whales War, prettamente strumentale ed emotivamente carica nella sua inesorabile semplicità, accompagnata dall’efebica voce che recita il poema di Whitman tra il dolce sbattere di quelle magnifiche onde che guarderemmo per ore senza mai stancarci.

Winter Whales War: un disco a più velocità, all’insegna del divertissement e dell’incedere irruento che, grazie all’incredibile presa diretta sull’ascoltatore, preannuncia un futuro indubbiamente roseo a questo gruppo sui palchi di tutto il mondo.

di Karen Gammarota

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...