Connect with us

Hi, what are you looking for?

Recensioni

DOME LA MUERTE and the DIGGERS – Supersadobabi

dome-la-muerteGo Down Records

Torna a spaccarci i timpani con riff graffianti, punk-garage e psichedelici Dome La Muerte uno dei reduci italiani del punk più puro, con un disco no compromise. Il lavoro è tirato e deciso e non fa sconti a nessuno, come nella migliore tradizione punk. Il valore aggiunto di questo disco è il richiamo alle radici blues (“Bad trip blues again”), infatti, la linea del disco va dalle dodici battute al punk, passando per dilatazioni lisergiche (“Broken chains”).

Dome La Muerte non solo ha condiviso il palco con Iggy and The Stooges, ma quelle sonorità le ha fatte sue, la cover di “Little doll”, infatti, rispecchia la potenzialità hard rock e solo grazie a questa versione è comprensibile quanto quegli Stooges siano stati propedeutici per gli Alice In Chains. Vedete! Seppure fuori tempo massimo la storia del rock è affascinante, perché è diventata ciclica e piena di ricorsi storici, ma mai uguale a loro stessi.

Il garage-rock espresso in molti di questi brani, infatti, se è accostabile a quello della metà degli anni ’70, pre-esplosione punk, va letto alla luce di questi quarantanni di punk e dintorni, che Dome La Muerte non solo ha fatto suo, ma ha anche contribuito a creare.

Written By

Vittorio Lannutti, ricercatore/sociologo delle migrazioni, counsellor, con una grave, cronica ed irreversibile dipendenza da rock.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Festival

E’ il 16 Agosto del 1974 e quattro ragazzotti cresciuti nel Queens salgono per la prima volta sul palco di un locale semi-abbandonato al...