Connect with us

Hi, what are you looking for?

Recensioni

DIODATO – E forse son pazzo

diodatoLe Narcisse / Goodfellas
Forse sono stato distratto, ma non mi è capitato finora di ascoltare una cantautore italiano che avesse una predilezione per il brit-pop. Se mi sono perso dei precedenti, con Diodato recupererò. Nonostante non mi abbia mai entusiasmato il pop in generale e non abbia mai minimamente apprezzato quello di matrice britannica nato una ventina di anni fa, Diodato riesce ad essere convincente.
“E forse sono pazzo”, il suo esordio discografico, è un lavoro ben strutturato, in cui i suoi travagli interiori esposti con liriche efficaci e dirette, sono ben supportate da un pop-rock circolare, frizzante, variegato e ben suonato. È evidente che il giovane cantautore abbia avuto l’accortezza di creare un gruppo di collaboratori abili a supportare le sue pulsioni e i suoi istinti.
Nella sua voce sono riscontrabili accostamenti a molti cantautori passati e presenti, tuttavia, il nome che ricorre più spesso sono gli Afterhours in grado di stare sul crinale tra mainstream e indie, tra melodia e aggressività rock. Badate bene, Diodato è soltanto accostabile al gruppo di Manuel Agnelli, perché nel complesso è dotato di carisma, per cui le dodici tracce di questo disco non risultano mai derivative, ma sempre eccitanti, nonostante, i testi non siamo quasi mai allegri. “E forse sono pazzo” è un ottimo esordio che promette bene per il futuro del cantautorato italiano.

Vittorio Lannutti

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...