Connect with us

Hi, what are you looking for?

Video

ALESSIO CICCOLO: guarda in anteprima il video “I balconi”

Alessio Ciccolo, cantautore calabrese di stanza a Bologna, lo scorso 11 dicembre ha pubblicato il suo EP d’esordio su tutte le piattaforme digitali.

Solo un dovere è un viaggio formativo nel vero senso della parola, un giro di boa verso la maturità.  Rappresenta il passaggio dall’Università al mondo del lavoro, dalla giovinezza all’età adulta, raccoglie 5 brani che sono la fotografia di un momento di cambiamento ma anche di consapevolezza.

I brani sono vestiti di nostalgia perché raccontano non il “qui e ora” ma ciò che è stato, quando il miraggio di una vita nuova cominciava a palesarsi e le responsabilità non erano il nemico: Solo un dovere è quindi un prologo, le cui cinque canzoni sono accomunate dalle contraddizioni del diventare adulti.

Solo un dovere è un connubio tra gli elementi tipici del cantautorato italiano e il sound d’oltremanica, ed evidenti sono i riferimenti Niccolò Fabi, Colapesce e alla scena britannica degli anni 90.

Ad accompagnare il rilascio discografico di questo lavoro c’è  il videoclip de I balconi ad opera del regista Francesco Sergi.

La frenesia del quotidiano non permette tentennamenti, e chissà per quale strano motivo ci sentiamo costretti a inseguire la routine, come levrieri dietro una lepre invisibile.

Neanche la pausa mondiale che ci ha investito recentemente è servita a interrompere questo circolo vizioso che diciamo di subire, è vero, ma che alimentiamo quotidianamente per sentirci forse più compiuti.

I balconi è stata scritta intingendo le proprie parole in questa tavolozza di riflessione: quante volte ci ritroviamo a scegliere, pensare o addirittura amare per dovere? E tralasciando i dettami di una vita convulsa, quanto queste dinamiche riguardano il diventare adulti? Fin da piccoli siamo abituati a pensare che crescere comporti una serie di compromessi e rinunce necessarie per proseguire il nostro cammino formativo; ed ecco che sull’altare della maturità sacrifichiamo il gioco, la spensieratezza, i legami.

Durante il primo lockdown il web è stato preso d’assalto da video ripresi dalle terrazze e dai balconi, diventando così uno dei principali simboli della resistenza alla pandemia globale. La vita non si ferma, la voglia di umanità non verrà intaccata dall’obbligo di rimanere chiusi in casa, ce la faremo.

Quelle parole, o meglio, quel simbolo mi ha riportato indietro di 20 anni, quando un balcone era soltanto un campo di calcio in miniatura, un ring, una pista di automobilismo o semplicemente un altro spazio libero per giocare e condividere. In un momento di crisi mondiale ed esistenziale, è stata proprio quella dimensione infantile e spensierata a trarmi in salvo dai doveri, dai programmi e dagli impegni, dall’essere diventato inevitabilmente un uomo più maturo con tutte le responsabilità che questo crescere comporta.

Ecco perché I balconi chiude la track-list dell’EP Solo un dovere. È una sintesi verbale e musicale di questo lavoro in cui ho voluto raccontare i cambiamenti e le controversie della porzione di esistenza che va dai 20 ai 30 anni; in cui, probabilmente, si è ancora troppo giovani per percepirsi grandi.

Grazie al regista Francesco Sergi il singolo si è vestito di immagini e suggestioni raccolte nel videoclip in uscita: in scena i personaggi rappresentato le varie tappe della crescita di un essere umano, e le loro vicende si intrecciano, si sovrappongono a testimoniare la fluidità del lungo processo verso la maturità.

https://www.instagram.com/alessiociccolo/
https://www.facebook.com/cicmusica/

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...