Connect with us

Hi, what are you looking for?

Reportage Live

Cinzella Festival 2019: le foto e il reportage del festival di Grottaglie (Ta)

Anche quest’anno si è chiuso il sipario del Cinzella Festival, lasciando nostalgia su tutti quei volti che hanno goduto in questi 4 giorni, dal 17 al 20 agosto, il susseguirsi sul palco di grandi band nazionali ed internazionali.

Partito come un piccolo festival in una masseria nel tarantino nel 2017 con headliners Levante, Zen Circus, Frankie Hi-Nrg, non si è fermato e ha puntato in alto. Già nella seconda edizione nel 2018 cambia location. La scelta è caduta sulle Cave di Fantiano a Grottaglie (Ta) , in cui sorge un suggestivo anfiteatro all’aperto tra pareti e monoliti in tufo, immerso in un paesaggio costituito da ulivi secolari.
Nel 2018 la line up vede nomi come Frah Quintale, Claudio Simonetti’s Goblin, Peter Murphy (unica data italiana) e i Nothing But Thieves, ricevendo un feedback più positivo rispetto l’anno precedente.

Reduce da questo successo, l’entusiasmo degli organizzatori è decollato ed ecco arrivare grandi nomi nell’edizione 2019.

Ad aprire le danze alla prima data, sul Cinzella Stage, palco dedicato alle band pugliesi, il rock stoner dei MINIMANIMALIST (aka Fabio Cazzetta e Davide Bianco) che ha scompigliato per bene i capelli dei primi arrivati, seguiti da ELIUS INFERNO & Magic Octagram.

Ci spostiamo al Main Stage dove assistiamo allo spettacolo nel vero senso della parola degli I HATE MY VILLAGE. Questo progetto, voluto da Adriano Viterbini (BUD SPENCER BLUES EXPLOSION) e Fabio Rondanini (AFTERHOURS e CALIBRO 35) grazie all’amore per la musica africana, è nato accompagnando sui palchi maestri come Bombino e Rokia Traoré. Ad impreziosire questa formazione si aggiunge la voce inconfondibile di Alberto Ferrari (VERDENA) e la creatività del produttore Marco Fasolo (JENNIFER GENTLE). La folla è ipnotizzata dal sound e dalla maestria di questi superbi musicisti che divorano il palco con un interazione come solo loro sanno fare.

È la volta degli attesissimi BATTLES nella loro unica data italiana, in cui presentano in anteprima il nuovo album in uscita in autunno. Il duo newyorkese conquista subito la folla col suo sound che passa dal kraut al math, fino a far ballare il pubblico sulle note di “Atlas” , il loro brano più famoso. La serata continua danzando sulle note del dj set del duo tedesco Digitalism.

Clicca qui per vedere le foto del Cinzella Festival – Day 1 a Grottaglie (o sfoglia la gallery qui sotto).

Ad aprire la seconda data sul Cinzella Stage è la band tarantina Leitmotiv, già conosciuta a livello nazionale, promotori del folk rock alternativo made in Puglia.

Ed eccoci al momento più atteso della serata. Ci spostiamo al Main Stage dove ci aspettano i Marlene Kuntz che delizieranno la folla con doppio set, acustico ed elettrico, fortemente voluto dalla band per festeggiare sia i 30 anni di carriera che i 20 anni di “Ho ucciso Paranoia”.
La band cattura il pubblico prima durante il set acustico abbracciandola in una situazione intima e travolgente e poi sconvolgendola con la sua veste rock tradizionale.

Con un po’ di ritardo accumulato finalmente arrivano sul palco i White Lies. La band che quest’anno festeggia 10 anni di attività, ha presentato un sound più maturo e consapevole dal primo disco. La folla li acclama e canta con loro. La band sembra apprezzare e dopo i primi brani, si riscalda e interagisce col pubblico. A grande richiesta il bis da parte dei fans, che purtroppo non è arrivato.

I più tenaci si sono recati al secondo palco per godersi il dj set di Luca De Gennaro.

Clicca qui per vedere le foto del Cinzella Festival – Day 2 a Grottaglie (o sfoglia la gallery qui sotto).

Con grande sorpresa la terza data é presenziata dagli Afterhours, usciti di scena da più di un anno, e avendo annunciato solamente un altro concerto oltre a quello del Cinzella. L’assenza dal palco dall’aprile 2018 si nota subito dai numerosi fans accorsi a gustarsi questa data “eccezionale”.

La mancanza si sentiva ed il pubblico lo ha fatto notare alla band cantando a squarciagola ogni singola canzone.

Non da meno l’apertura del concerto affidata ai The Winstons, formazione che vede Enrico Gabrielli (CALIBRO 35), Roberto Dell’era (AFTERHOURS) e Lino Gitto che incuriosisce il pubblico con il loro mix psichedelico.

Sul Cinzella Stage abbiamo visto invece esibirsi i giovanissimi Sound’s Bordeline da non sottovalutare e i MotherNature, rockband storica tarantina. A chiudere la serata di chi non ha ancora del tutto scaricato le batterie li ha attesi il Party Smith dj set.

Clicca qui per vedere le foto del Cinzella Festival – Day 3 a Grottaglie (o sfoglia la gallery qui sotto).

Si è giunti alla serata di chiusura, ed è qui che i ragazzi del Cinzella hanno voluto dimostrare che se i pugliesi non vanno ai festival internazionali allora sono le band internazionali a venire da loro. Non ha sorpreso la risposta del pubblico subito dopo l’annuncio dei Franz Ferdinand come headliner dell’ultima serata: scompiglio sui social e sold out preannunciato.

Mentre sul Cinzella Stage si sono esibiti N.a.i.p (nessun artista in particolare) divertente polistrumentista, Studio 82 pop band tarantina e Walter Celi ingegnoso polistrumentista vincitore dell’Arezzo Wave 2018, già buona parte del pubblico è in fila ai cancelli del Main Stage.
L’arduo compito di apertura ai Franz Ferdinand é stato affidato alla giovane Giungla, aka Emanuela Drei, che con il suo sound pop ha riscaldato il pubblico a dovere.

Da lì a poco il momento che tutti aspettavano: entrano in scena i Franz Ferdinand incitati dalla folla come in uno stadio. La band risponde con tanto di sorriso. Il feeling si é innescato e Alex, il frontman, ha in pugno il pubblico che lo segue ad ogni sua richiesta. Questi ragazzi dopo quasi vent’anni di carriera pestano come agli esordi. Il tempo sembra non sia mai passato per loro, la loro grinta e potenza sul palco non cede nemmeno per un secondo. Hanno tirato la loro esibizione al massimo per tutta la durata del concerto. La folla è scatenata e Alex sulle note dell’ultimo brano “This fire” afferma “Brucerò questa città”, e ci è riuscito davvero ad infuocare gli animi dei fans che torneranno a casa con un adrelina che sarà difficile mandare via.
C’è chi ancora su di giri decide di chiudere questa bellissima calda notte stellata al dj set di Misspia.

Di certo questa terza edizione ha lasciato un’immensa gioia nei partecipanti e negli organizzatori stessi che li spingerà a sorprenderci sicuramente anche il prossimo anno.

Clicca qui per vedere le foto del Cinzella Festival – Day 4 a Grottaglie (o sfoglia la gallery qui sotto).

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Reportage Live

Cristiano Godano in concerto allo Spazio Polaresco di Bergamo foto di Andrea Ripamonti

Tour

Al via il 19 giugno 2021 l’atteso tour estivo di CRISTIANO GODANO! Presenta per la prima volta dal vivo l’album solista “Mi ero perso...

Concerti

Da novembre CRISTIANO GODANO presenterà live l’album solista “Mi ero perso il cuore” (Ala Bianca Group / Warner Music) con un tour in tutta...

Concerti

CRISTIANO GODANO, frontman dei Marlene Kuntz, band che ha segnato la storia della musica italiana in 30 anni di carriera, ha pubblicato il primo...