Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Reportage Live

Abbiamo assistito a un gotha della trap e non eravamo (forse) pronti: la doppia data di TEDUA a Milano

Versione un-official per Rockon scritta a quattro mani da due persone totalmente fuori luogo rispetto alla situazione, eppure molto consce del momento “storico” a cui stavano assistendo: la celebrazione dell’enfant prodige del (t)rap nazionale più pensato e della sua capacità di sfornare hit in Italia, oggi. Tanto da arrivare fino a David LaChapelle.

Tedua in concerto I DAYS 2024 di Milano foto di Andrea Ripamonti per www.rockon.it

Articolo di Marzia Picciano e Philip Grasselli | Foto di Andrea Ripamonti

Il nome Mario Molinari in prima battuta probabilmente non farebbe pensare a ciò che il suo alter-ego artistico è e rappresenta oggi: è un classico nome italiano, di chiara provenienza ligure. E invece. Mario Molinari fa 35mila persone all’Ippodromo San Siro il 29 giugno 2024, riempie la sua prima data della doppietta agli I-Days per la prima live del suo ultimo La Divina Commedia “Paradiso – Atto Finale”, e conclude il 30 con un totale di 55mila presenze. Non male.

Tedua a Milano
Tedua in concerto agli I DAYS 2024 di Milano foto di Andrea Ripamonti per www.rockon.it

Una piccola analisi

Tedua (usiamo il nome giusto) è entrato nel panorama rap-hip hop-trap italiano un po’ come un’iniezione supernova (vedere La Nuova Scuola Genovese di Cabona, per dire) che in pochissimo tempo ha accumulato collaborazioni con altri già grandi artisti nazionali, non solo del suo genere, e creato un nome di riferimento, tra le popstar italiane di maggiore presenza su radio e streaming forsennati su Spotify – per cui si grida già al “GENIO!” o comunque un apprezzamento sincero rispetto alle capacità e spirito di approfondimento di questo trentenne alto e moro – un buon esempio di Kalos-kai-agathos del mondo pop, che ha fatto del suo passato difficile una base per trovare altri significati nell’arte.

Si pensi all’incredibile (storia della) collaborazione con David LaChapelle. I detrattori sono soprattutto quelli che ritengono che rappare non significhi drillare ne avviare un flusso di pensieri joyciani che spesso non segue il tempo della base e crea un effetto di straniamento nell’ascoltatore, ma anche un gran pathos emotivo. Ma per gli scriventi questo rileva poco, altrimenti che cavolo ci stanno a fare più di cinquantamila persone qui per due giorni, dalle quattro di pomeriggio?

Noi giovani vecchi

Appunto, parliamo di loro. Per quanto ci riteniamo ‘giovani’ ci rendiamo conto che non lo siamo abbastanza. E, piccolo spoiler: noi giovani vecchi c’eravamo alla prima data, ma l’articolo vuole essere una riflessione sul potenziale di Tedua.

C’è un pullulare di ormoni adolescenziali ipertatuati tali da farci sentire due sciure intente a parlare della breve intensità delle performance di Lana Del Rey, delle implicazioni culturali di un eventuale fine della collaborazione tra la Swift e Antonoff oltre che scambiarci freddure nerissime al limite della censura (e farsi fare la barba dallo stand di Philips, ma questa è un’altra storia).

Risvegliatici ultra quarantenni in un sabato sera (e una dei due ha un enorme cuore arcobaleno su una guancia, reduce delle performance della Schlein e di Elodie al Pride), mentre ci chiediamo se qualcuno dei neo-diplomati intorno a noi conosca LaChapelle, ci rendiamo subito conto di essere esattamente “fuori luogo” come recita la maglietta dell’altrettanto poco convinta ragazza dietro di noi.

Il che ci offre la possibilità di commentare o con la puzza sotto al naso che vorremmo tanto avere o farci sorprendere.

Offset a Milano
Offset in concerto agli I DAYS 2024 di Milano foto di Andrea Ripamonti per www.rockon.it

21 Savage con la maglia della Juve

Alla fine prevale la seconda. Anche se alla fine della sessione di 21 Savage (tra l’altro chiamato a suonare con già il sold out, scelta abbastanza singolare) con la maglietta di Del Piero viene subito montato il palco della main performance e arrivano scale bianche che alla piu’ anziana fanno pensare solo al fatto che a loro piace cambiare (ok boomer).

Anche se sempre la più anziana non riesce a convincersi completamente dei visual “divineggianti” in AI (in ogni caso, pazzeschi), siamo sicuri di essere davanti qualcosa di a suo modo importante.

Perché poi è, in tutta sincerità, qualcosa di più o comunque di diverso da una presentazione al pubblico del live de La Divina Commedia.

Ok, mettiamo da parte i contenuti, per un secondo.

Un ospite dietro l’altro

Dopo le prime quattro tracce è un susseguirsi di ospiti, la personale Sanremo di Tedua. Certi da aspettarsi facilmente, se un po’ si conosce la scena di riferimento, altri non del tutto aspettati, soprattutto i featuring femminili (e qui la Annalisa-fan si è svegliata con forza, saltando addosso per l’emozione al povero Phil), quindi la “Musa” collega ligure sulle note di Beatrice e una commovente Angelina Mango che è venuta pure lei a ricordare come si canta.

Comunque, non in quest’ordine, sono saliti sul palco Lazza, Kid Yugi (dopo aver aperto insieme a Night Skinny), Disme, Bresh, Tony Effe arrivato in jet da Ibiza perche aveva perso l’aereo, Sferaebbasta, di nuovo 21 Savage, il collettivo Drilliguria con il compagno di avventure Vaz Te, più tutta la band sul palco (assolutamente non da sottovalutare: alla batteria Andrea Polidori, Simone Mariano alla console, Il Maestro Giotto al pianoforte, più le coriste, insomma), e questo solo la prima sera.

Nella seconda si vedono invece Capo Plaza, gli Articolo 31 e Massimo Pericolo (!).

È palese: Tedua ci vuole proprio sorprendere, soprattutto della sua capacità di portare a lavorare con sé tante anime diverse.

Tedua a Milano
Tedua in concerto I DAYS 2024 di Milano foto di Andrea Ripamonti per www.rockon.it

Stacca, stacca, stacca!

A un certo punto aspettiamo solo che chiami il prossimo, ci stiamo fomentando su quello (anche perche dice che il migliore è Salmo, le canzoni di Grignani gli piacciono ed è stato al concerto di Vasco, insomma come settare le aspettative e per di più accenna anche un accordo di Pino Daniele che anche qui chissà se è arrivato alla platea) e invece ci dice che alle 23 Beppe Sala stacca tutto senno viene a dargli le bacchettate sulle mani (oppure paga Live Nation).

Quindi da ragazzo diligente si concita per chiudere tutto bene, indicando come un bravo maestro ai suoi innamoratissimi discepoli di non fare i cretini e liberare l’area con ordine che forse forse quello Live Nation non lo gestisce mentre li ammonisce di fare in modo che l’umiltà non si trasformi in insicurezza e che la sicurezza non si trasformi in arroganza. Il pubblico biascica tra se e se un Amen e poi si mette sventolare magliette come a un matrimonio partenopeo su Wasabi 2.0.

L’effetto wow di Tedua a Milano su di noi

In ogni caso, ce ne andiamo abbastanza impressionati.

Primo, perché non è che Tedua non facesse concerti in questo periodo eppure ha riempito l’Ippodromo dopo il Forum, e non è Vasco (cit).

Secondo, perché è interessante osservare qualcuno che rappa “Mi piace quella tipa che muove la colita/Nella sua villa a Ibiza, in tre perché ha un’amica/Vuole far la cocorita con me, corre alla corrida” riesce a chiedere una rivoluzione spirituale al suo pubblico tanto da sbroccare sui vari hate-speech che infestano il web (speriamo venga ascoltato). Tre, perchè obiettivamente tutta questa gente non si sa se la vedremmo neanche a Sanremo dell’anno prossimo (scherzo), e che fomento. E visto tutto questo, cos’è rimasto della Divina Commedia? O meglio: non e’ che la saremo noi, una Commedia?

Clicca qui per le foto di Tedua in concerto a Milano il 29 giugno o sfoglia la gallery qui sotto

Clicca qui per le foto di Tedua in concerto a Milano il 30 giugno o sfoglia la gallery qui sotto

TEDUA – La scaletta della data del concerto all’Ippodromo SNAI San Siro di Milano (29 giugno 2024)

Intro La Divina Commedia
Angelo all’lnferno
Lo sai
Paradiso Artificiale (feat. Kid Yugi)
Eva (feat. Kid Yugi)
Lo-fi for U
Parole vuote (La solitudine)
Paradiso II
Sangue misto
La legge del più forte
Buste della spesa
Kill Bill
Catrame (feat. Lazza)
Volgare (con Lazza)
Red Light
Soffierà
OC (California)
Step by Step ( con Bresh)
DOPO LE 4 (Tony Effe cover) (con Bresh e Tony Effe)
Jolly Roger
Blueface (Vaz Tè cover)
Beatrice (con Annalisa)
Mare calmo
Lingerie (con Sfera Ebbasta)
Hoe (con Sfera Ebbasta)
Malamente
Bagagli (Improvvisazione)
Angelo custode (con Angelina Mango)
Wasabi 2.0
Dimmi che c’è (thasup cover)
Vertigini
Outro Purgatorio

TEDUA – La scaletta della data del concerto all’Ippodromo SNAI San Siro di Milano (30 giugno 2024)

Intro La Divina Commedia
Angelo All’lnferno
Lo sai
Paradiso Artificiale
Al Limite (feat. Tony Boy)
Lo-fi For U (feat. Tony Boy)
Lo Straniero (feat. Massimo Pericolo e Neima)
Paradiso II
Sangue misto
La legge del più forte
Buste della spesa
Kill Bill
Catrame (Lazza cover) (con Lazza)
Volgare (con Lazza)
La Solitudine (con Capo Plaza)
Polvere (con Capo Plaza)
Red Light
Soffierà
OC (California)
Step by Step (con Bresh)
DOPO LE 4  (con Bresh)
Jolly Roger (Disme, Bresh, Vaz Te)
Blueface (Vaz Tè cover)
Beatrice
Mare calmo
Lingerie
Hoe
Malamente
Bagagli
Wasabi 2.0
Dimmi che c’è (thasup cover)
Vertigini
Outro Purgatorio

Written By

Dall’Adriatico centrale (quello forte e gentile), trapiantata a Milano passando per anni di casa spirituale, a Roma. Di giorno mi occupo di relazioni e istituzioni, la sera dormo poco, nel frattempo ascolto un sacco di musica. Da fan scatenata della trasparenza a tutti i costi, ho accettato da tempo il fatto di essere prolissa, chiacchierona e soprattutto una pessima interprete della sintassi italiana. Se potessi sposerei Bill Murray.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Musica

I Queens of the Stone Age hanno annunciato che il leader e cantante Josh Homme deve tornare negli Stati Uniti per essere operato e...

Reportage Live

Per la data del 6 Luglio agli I’Days di Milano arrivano QUEENS OF THE STONE AGE, ROYAL BLOOD e THE VACCINES. Se a inizio...

Reportage Live

Perfetti interepreti di un punk faceto e cazzone, Billie Joe e soci ci hanno scaraventato addosso, con grandissima ironia, tutta la loro storia di...

Reportage Live

Dopo il successo di Barcellona al Primavera Sound, la cantante statunitense infiamma Milano per la seconda data degli I-days.