Connect with us

Hi, what are you looking for?

Recensioni

MARK LANEGAN Band – Blues Funeral

4AD
Con questo nuovo disco solista, a otto anni dal precedente “Bubblegum” l’ex Screaming Trees dimostra di avere ancora tanta energia creativa e di non dare nulla per scontato. Lanegan è un bluesman a tutto tondo, avendo condotto una vita abbastanza travagliata, che molto spesso si è riflessa nello stile musicale. Non questa volta!
Nel senso che il blues del titolo è un’attitudine, una tendenza, ma non lo stile musicale, essendo caratterizzato dall’elettronica. Per questo disco, infatti, Lanegan, influenzato dalla recente collaborazione con gli U.N.K.L.E. e dalla tanta musica elettronica che ultimamente ha ascoltato, ha deciso di limitare al minimo l’utilizzo di chitarre, bassi e batteria, per dare spazio in maniera preponderante a drum machine e sintetizzatori. La scelta si è rivelata azzeccata e coinvolgente, perché anche con questi strumenti traspare il suo blues. L’elettronica utilizzata in questo disco è discreta e di sostegno alle liriche, sempre molto interessanti, intense e profonde. A partire dalla preghiera laica di “Harborview hospital” e dalla ballata circolare avvolgente e profondamente romatica “Gray goes black”, che evoca il post punk dei Joy Division. I suoi grandi amici Greg Dulli e Joshua Homme hanno partecipato in un brano a testa: il primo in “St. Louis elegy”, un blues che si fa trip-hop, per poi toccare terreni epici di rara intensità; il secondo in “Riot in my house”, l’unico brano veramente rock. A “Deep black vanishing train” va senza dubbio la palma come brano più profondo, grazie anche all’arpeggio della chitarra, mentre la palma della malinconia e del blues va a “Bleeding muddy water”, con quella tastiera che trasmette proprio la sensazione delle acque fangose che ti avvolgono. Per fortuna Lanegan continua a stupirci e a rimettersi sempre in discussione.

Vittorio Lannutti

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Musica

Sul palco c’è un giovane ragazzo, ha una voce molto profonda e mentre canta si muove in modo strano. Quel ragazzo è Ian Curtis....

Musica

Articolo di Serena Lotti Non è semplice trasformare un problema in un’opportunità. Figuriamoci una pandemia globale. Al tempo delle quarantene worldwide tutti non vedono...

Concerti

Dopo aver portato la sua inconfondibile voce al Fabrique di Milano lo scorso 27 novembre, Mark Lanegan torna in Italia. MARK LANEGAN Band 30...

Concerti

Dopo aver portato la sua inconfondibile voce al Fabrique di Milano lo scorso 27 novembre, Mark Lanegan torna in Italia al Teatro Manzoni di...