Connect with us

Hi, what are you looking for?

Recensioni

DAVID LENCI & THE STARMAKERS – David Lenci & The Starmakers

davidlenci-starmakersGo Down

Finalmente pubblica un disco a nome suo David Lenci fondatore del Red House Recordings, studio di registrazione di Senigallia e uno dei più importanti produttori e tecnici del suono italiani. Lenci, che ha collaborato con molti nomi di prim’ordine del panorama indie internazionale, da Steve Albini a Rob Ellis, dagli Uzeda a Charlotte Hatherley, per quest’avventura si fa accompagnare da uno stuolo di ottimi professionisti, tra i quali il chitarrista dei Three Second Kiss, Sergio Carlini.

Questa in realtà è la terza prova discografica per Lenci, che è stato l’artefice del progetto Red House Revue con Sean Meadows, con cui ha pubblicato due ottimi dischi. Il lavoro in questione, da un punto di vista concettuale non di discosta di molto da quell’esperienza, in quanto i dieci brani in scaletta sono strutturati su un blues psichedelico, che deve molto al grunge e al noise (“Beating hearts”). La voce di Lenci, poi, è piuttosto duttile e se in alcuni passaggi è accostabile a quella di Mark Lanegan, in altre a quella di Eddie Vedder (“Carlo”).

Caratteristica portante del disco è lo sviluppo che hanno i brani, evolvendosi verso territori psichedelici (“Old guys never die”), riflessivi, con il blues che fa da cornice, quando il brano non viene attraversato da frammenti di intrecci chitarristici “Sailing to a Dream”, “The Faraway Son”, “The Circle Game”). Quando poi Lenci chiede al gruppo di intraprendere una cavalcata, la band risponde in maniera stanca, come i Dinosaur Jr dei primi anni ’90 (“A matter of choise”). Il disco è stato pubblicato soltanto in LP.

Written By

Vittorio Lannutti, ricercatore/sociologo delle migrazioni, counsellor, con una grave, cronica ed irreversibile dipendenza da rock.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Anteprima

Drive e’ il nuovo video di The Wild Scream, un semplice racconto “on the road” dei 3 giorni di registrazioni passati alle Officine Underground...

Concorsi

La Go Down Records festeggerà sabato 12 dicembre 2015 i suoi 12 anni di attività al Bloom. Sul palco del famoso live club di Mezzago...

Recensioni

Go Down Records Nonostante la giovane età, questi sei ragazzi hanno gli occhi rivolti al passato, quello dei sixties psichedelici. “Cosmic pyre”, esordio su...

Recensioni

Go Down Records Per questo lavoro i torinesi Gunash hanno fatto le cose in grande. Il trio, infati, si è avvalso dall’autorevole collaborazione di...