Connect with us

Hi, what are you looking for?

Festival

Kappa FuturFestival: la terza edizione il 5 e 6 Luglio al Parco Dora di Torino

E’ stellare la line-up finale del Kappa FuturFestival – Torino Summer Music Festival. Vecchie conoscenze e nuove promesse che il prossimo 5 e 6 luglio 2014 promettono di trasformare il Parco Dora di Torino nel più vivace, allegro e colorato happening dance italiano!

Kappa FuturFestival 2014

SABATO 05 LUGLIO e DOMENICA 06 LUGLIO 2014
da mezzogiorno a mezzanotte
PARCO DORA – TORINO

DAY 01 – SABATO 05 LUGLIO
MARCO CAROLA / THE BLOODY BEETROOTS live / LEN FAKI / MACEO PLEX / KEVIN SAUDERSON / SOUL CLAP / TONY HUMPHRIES / ALAN FITZPATRICK / LEON / LNRIPLEY live / OMAR S / 88 BROS / CANBLASTER / CKRONO & SLESH live / ICEBREAKER / JUST A MOOD / KARMATIC live / PINK HOLY DAYS live / RAZIHEL / RUDE

DAY 02 – DOMENICA 06 LUGLIO
RICHIE HAWTIN / DISCLOSURE live / ADAM BEYER / DERRICK MAY / DJ SNEAK / TALE OF US / THE MARTINEZ BROTHERS / JACKMASTER / MANO LE TOUGH / RAFFAELE ATTANASIO live/ EDANTICOF live / GANDALF / GIORGIO GIGLI / LOLLINO / LUCY live

Il festival urbano, 100% diurno, che l’anno scorso ha radunato sotto la gigantesca tettoia delle ex ferriere Teksid oltre 25.000 persone, è nuovamente dedicato ai migliori suoni elettronici nel luogo che, più di ogni altro, dal passato industriale proietta Torino in un futuro senza confini.

thebloodybeetroots

Gli annunci degli artisti hanno scatenato l’entusiasmo sulla vivacissima pagina facebook del festival, tra i più attesi i Disclosure, duo composto dai fratelli Guy e Howard Lawrence, nuovo fenomeno della musica elettronica inglese. Un grande ritorno sarà quello di un’altra coppia di fratelli, The Martinez Brothers, già protagonisti del colorato Circoloco Party dell’edizione Movement 2013. La loro residenza al DC-10 ha permesso loro di acquisire una grande esperienza e migliaia di fans sono stati rapiti dal loro sound freschissimo e fortemente legato all’essenza dell’house music americana.
Grande attesa per la presenza di Sir Bob Cornelius Rifo, in arte The Bloody Beetroots, il cui annuncio aveva scatenato l’entusiasmo proprio durante i giorni del Festival di Sanremo (che l’ha visto trionfare insieme a Raphael Gualazzi). Attesissimo anche il ritorno di Richie Hawtin, il dj canadese più amato dagli italiani, noto anche come Plastikman, colosso della musica elettronica internazionale. Al nome di Richie, vecchia conoscenza del festival, si affiancano nuove facce del panorama elettronico come quella di Mano Le Tough. Irlandese di nascita e berlinese di adozione, in molti hanno già speso parole importanti sul suo conto, come Kristian Beyer degli Âme che ha recentemente dichiarato “grazie a Mano Le Tough, non ho alcun timore per il future della deep house”.
E’ annunciata anche la presenza del leggendario Omar-S, della scuola di Detroit, nel suo ultimo album Thank You For Letting Me Be Myself esprime in pieno la sua anima fatta di pura techno. Attesissimo anche Marco Carola, il più famoso dj italiano, unico ad aver firmato un cd della mitica serie del Fabric 31 di Londra. Già protagonista dell’edizione 2013, ha regalato ai suoi fans una performance indimenticabile. Il primo nome a circolare sulla seguitissima pagina Facebook del festival è stato quello di Len Faki, dj e produttore originario di Stoccarda, il suo nome è prepotentemente legato alla scena techno berlinese e il suo talento è esplosivo quasi come la sua musica. Ci saranno anche anche i Tale of Us, conosciuti per le innovative produzioni controcorrente e posizionatisi al 2° posto nella graduatoria di DJMag dei migliori DJ del mondo 2013.
Un grande ritorno è anche quello di Maceo Plex, il dj di origini cubane numero uno della scena house moderna, che aveva già ammaliato il pubblico torinese durante l’ultima edizione del Movement.

Come sempre il festival riserva uno spazio anche alle giovani promesse torinesi, tra gli altri: Lollino, Gandalf e Just a Mood in rappresentanza della scena underground della città.

disclosure

Grande novità dell’edizione 2014 sarà il rinnovato Dora Stage che ospiterà una selezione artistica raffinata e capace di abbracciare, nei due giorni del festival, l’intero universo della musica house dalle origini alle tendenze più contemporanee, novità assoluta sarà invece la presenza per la prima volta nella storia del festival del Red Bull Tourbus Stage, un palco mobile tutto dedicato alle performance dal vivo dei migliori talenti del panorama piemontese e nazionale.

Kappa FuturFestival è un buon esempio di impresa culturale, occasione di rilancio dell’economia territoriale, a bassissimo impatto sulle finanze pubbliche; KFF promuove occupazione, territorio e turismo. La ricaduta economica della seconda edizione è stata valutata in un milione di euro, effetto dell’impiego di 400 risorse umane, dei 500 pernottamenti promossi nelle strutture convenzionate e delle migliaia di pasti consumati dai 25.000 ragazzi arrivati a Torino da tutta Europa.

Un successo possibile grazie anche alla fiducia delle amministrazioni municipale e regionale, al sostegno dei dieci grandi gruppi industriali – sei dei quali con sede a Torino – e alle media partnership con i più qualificati editori del paese.

La location, l’offerta artistica, la qualità del servizio e la sostenibilità ambientale sono le basi sulle quali Kappa FuturFestival costruisce l’ambizione di diventare uno dei festival di riferimento per l’Intrattenimento Intelligente, estivo, giovane a livello internazionale.

Intrattenimento Intelligente, il claim di tutte le produzioni Movement è anche la missione che si è data questo gruppo di lavoro: un grande sforzo organizzativo per assicurare le migliori condizioni affinché il pubblico possa divertirsi nel pieno rispetto di se stesso, del prossimo e dell’ambiente che lo ospita.

Kappa FuturFestival si svolge nel cuore di Parco Dora: considerata a tutti gli effetti la più importante ristrutturazione verde post-industriale d’Italia, un’area contigua al centro di Torino che si estende per 50.000 metri. Uno spazio dominato dalla suggestiva e imponente struttura del capannone dello Strippaggio che esalta l’anima più urbana e contemporanea del Festival.

Si perfeziona ulteriormente nell’edizione 2014 anche Movement Hospitality System, l’integrato sistema di ricezione degli ospiti negli hotel convenzionati attraverso un pacchetto modulato su ogni capacità di spesa. Cresce l’attenzione alla mobilità sostenibile realizzata con il supporto dei numerosi mobility partners pubblici e privati. La biglietteria, infine, è concepita per essere friendly e accessibile grazie all’impiego di canali digitali e delle più moderne applicazioni per smartphone e tablet.

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Reportage Live

Articolo di Serena Lotti | Foto di Andrea Ripamonti In principio era Sofocle, poi arrivò Shakespeare, poi ci fu la teoria della mistificazione pirandelliana...

Concerti

Nel 2019 si è celebrato il decimo anniversario dell’eredità di “Warp” (2009), brano seminale che in tre minuti e 24 secondi di pura potenza...

Reportage Live

Articolo di Serena Lotti I Linea 77 sono tornati. Più eccentrici, più crossover, più digital, anche più disincantati forse. Ma non meno cattivi e...

Dischi

I Linea 77 tornano a stupirci con “SERVER SIRENA”, nuova prova discografica su etichetta Polydor, tanto destabilizzante quanto incisiva. Con SERVER SIRENA disponibile dall’11 ottobre su...