Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tour

Il post-rock strumentale dei THIS WILL DESTROY YOU in concerto a Padova, Roma e Milano

E’ uscito il 16 settembre “Another Language”, il quarto album dei texani This Will Destroy You, che lo presenteranno dal vivo in tre concerti italiani in compagnia dei Lymbyc Systym.

This Will Destroy You (USA) + Lymbyc Systym (USA)

MARTEDI 23 SETTEMBRE 2014
@ CIRCOLO MAME – PADOVA
+ Fall Of Minerva (Vicenza)
via Fra’ Paolo Sarpi 48
Ingresso 15 €, riservato ai soci ARCI

Fall Of Minerva: 21.00 – 21.25
Lymbyc Systym: 21.40 – 22.10
This Will Destroy You Official: 22.25 – 00.00

MERCOLEDI’ 24 SETTEMBRE 2014
@ CIRCOLO DEGLI ARTISTI – ROMA
Via Casilina Vecchia 42
Ingresso 15 €

porte/botteghino 21:00
concerti 21:30

GIOVEDI 25 SETTEMBRE 2014
@ LEONCAVALLO – MILANO
Spazio Pubblico Autogestito – Via Watteau, 7
Ingresso a sottoscrizione 8 €

This Will Destroy You (USA)

Dal 2004, i This Will Destroy You sono stati autori di uno dei più dinamici e viscerali post rock strumentale del globo. La loro discografia è stata apprezzata da subito dal pubblico e acclamata dalla critica ed i loro lunghi tour in tutti i continenti un successo. “Another Language”, quarto full length del quartetto texano, arriva a tre di distanza dal precedente “Tunnel Blanket” e segna il loro ritorno dopo un lungo periodo buio che ha quasi portato allo scioglimento della band, che invece risorge a sorpresa con rinnovata energia e coesione in questo lavoro. Another language ci offre i TWDY nella loro forma più potente e matura regalandoci ad oggi il loro album migliore. Nel 2008 l’omonimo album di debutto riscuote un enorme successo catapultando il quartetto sulle riviste di tutto il mondo.

[embedvideo id=”PgMWvuahjvc” website=”youtube”]

Segue un periodo di crisi e nel 2011 arriva “Tunnel Blanquet”. Loro pezzi sono stati usati in numerosi film indipendenti americani tra cui “Moneyball”, pellicola candidata a ben 6 premi Oscar nel 2012. Dopo un anno in tour il quartetto composto da Jeremy Galindo, Christopher Royal King, Donovan “Dono” Jones e Alex Bhore torna in studio negli Elmwood Recording ancora una volta con l’aiuto dell’ingegnere John Congleton per registrare il nuovo lavoro. Nasce così “Another Language”, e deciso passo avanti nello stile della band, che riesce qui a creare un organismo perfettamente dinamico in cui le onde d’urto delle chitarre dialogano con improvvise irruzioni di batteria e tappeti di organo, synth e numerosi altri strumenti. Un album molto più complesso e strutturato dei precedenti, incredibilmente coeso e vibrante che ci mostra i TWDY in forma come mai. Costretti a ridefinire loro stessi come individui, artisti, e come band, i TWDY riescono a creare una nuova lingua per intraprendere un nuovo formidabile viaggio musicale.

Lymbyc Systym (USA)

Dietro al post-rock da laptot dei Lymbyc Systym ci sono i fratelli newyorkesi Jared e Michael Bell, già membri di svariate band. Jared e Michael iniziano a fare cose insieme già prima dell’adolescenza, rumoreggiando con chitarre e batterie giocattolo. Uniscono definitivamente le forze nel 2001 con Lymbyc Systym, bilanciando strumenti acustici e programmazione. Già di spalla per The Album Leaf e Mice Parade, sono ora in tour europeo con i This Will Destroy You.

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Concerti

Dopo il grande successo del loro tour estivo nel 2019, Hellfire Booking ed Erocks Production sono felici di annunciare il ritorno dei God Is...

Anteprima

Dopo l’uscita di Pneumologic nel 2013, gli ORNAMENTS, formazione post-metal di Bologna con alle spalle una carriera già molto lunga in cui hanno potuto...

Reportage Live

Da San Lorenzo di Parabiago con furore. I Punkreas danno il via alle celebrazioni dei 25 anni di attività dal palco del Leoncavallo di...

Reportage Live

Photo & Article by LightTrails: Cristiano Perricone & Maura Perricone Poco più di 9.000 km di distanza e tre anni di assenza separavano i...