VASCO ROSSI – Live Kom @ Stadio Meazza di Milano – 17 e 18 giugno 2015

Articolo di Stefania Clerici – Foto di Roberto Finizio

Vasco Rossi potrebbe essere mio padre: è del ’52, ha barba e pizzetto brizzolati e conosco a memoria le sue parole. Solo che mio papà ha 25 e passa anni di carriera bancaria sulle spalle, Vasco invece da 25 anni riempie lo stadio di San Siro, con sold out data dopo data, album dopo album, tour dopo tour, concerto dopo concerto.

La mia prima volta allo stadio da Vasco é stata durante gli anni del liceo, difficile non sapere giá metà del suo repertorio a quell’età. A dispetto di quanti lo davano per spacciato, ritirato, ormai alla fine della sua carriera, il Blasco nazionale ha sempre smentito tutto e tutti, macinando successi e vittorie, pubblicando nuovi album (spesso osannati dalla critica musicale), ma che hanno venduto e bene, tanto da portarsi dietro tour promozionali di estate in estate, anno dopo anno.

Oramai il concerto estivo Vasco é diventato una costante in ogni città italiana: se passa dal tuo stadio, un anno sì un anno no ci vai, come le analisi del sangue. E non ti pesa nemmeno tanto perché ci puoi andare a stomaco pieno (o male che vada un panino con la salamella lo trovi). É un appuntamento, un rito catartico che si consuma, capace di accumunare generazioni e tipi e tipe diverse, che comunque vada, almeno ad un coro parteciperanno, urlando a squarciagola quando meno te l’aspetti.

Più passa il tempo e più il buon Vasco é come il vino, invecchia e pure bene. Solo l’organizzazione di anno in anno delude un po’: un concerto che inizia alle 20.40 quando ancora il sole é alto per terminare poco dopo le 23 nella città dell’Expo, proprio non te lo aspetti. Colpa sì dei provvedimenti comunali, però per più di un terzo dell’impianto scenico e delle luci dello stage non possono venir apprezzati come dovrebbero, perché la luce naturale é ancora troppa. Abbandonata quest’unica nota dolente, insieme ad una certa acustica che a tratti San Siro proprio non regge, lo spettacolo di Vasco é uno show che ti prende a tutti i livelli, sia per la carismaticitá dell’artista, sia per la scenografia imponente, gli schermi a lato del palco, i led e gli arlecchini rotanti sopra e a lato del palco: uno show rock a 360, in cui sballo e divertimento ti catapultano in un’altra dimensione. Non resta che lasciarsi andare e Vivere, “senza perdersi d’animo mai”.

VASCO ROSSI – Scaletta del concerto del 18 Giugno di Milano

Zoya suite (Dmitri Dmitrievich Shostakovich song)
Sono innocente ma…
Duro incontro
Deviazioni
L’uomo più semplice
Dannate nuvole
Quanti anni hai
Siamo soli
Credi davvero
Guai
Il blues della chitarra sola
Manifesto futurista della nuova umanità
Interludio live Kom.015 / Rockstar
Nessun pericolo… per te / E… / L’una per te / La noia
(Medley acustico)
Quante volte
….Stupendo
C’è chi dice no
Sballi ravvicinati del terzo tipo
Rewind
– – – – – – – –
Vivere
Come vorrei
Gli angeli
– – – – – – – –
Delusa / Mi piaci perchè / T’immagini / Gioca con me
(Medley rock)
Sally
Siamo solo noi
Vita spericolata
Albachiara

Ecco il calendario delle prossime date:

Luglio 2015
13.07.2015 – Padova – Stadio Euganeo
12.07.2015 – Padova – Stadio Euganeo
08.07.2015 – Messina – Stadio San Filippo
03.07.2015 – Napoli – Stadio San Paolo

Giugno 2015
28.06.2015 – Torino – Stadio Olimpico
27.06.2015 – Torino – Stadio Olimpico
23.06.2015 – Bologna – Stadio Dall’Ara
22.06.2015 – Bologna – Stadio Dall’Ara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.