SAMUELE BERSANI: reportage e scaletta del concerto di Milano

Uno stop di quasi un anno e mezzo lo ha costretto lontano dai palchi e a rimandare i live previsti nei teatri, ma “La fortuna che abbiamo” non è solo il titolo di un tour che (ri)prende forma. È anche una dichiarazione d’intenti di uno spettacolo completo e intenso, come quello a cui ho avuto la fortuna di assistere agli Arcimboldi di Milano qualche sera fa.

Bersani si è ritrovato e con un carisma presente, mai troppo sopra le righe, molto ironico e ben bilanciato tra i guizzi di testa e le emozioni di pancia, ci regala un live nel quale in due ore di concerto ripercorre tutta la sua carriere musicale. Ad accompagnarlo su un palco dalla scenografia scarna e solo un megaschermo che su alcuni pezzi proietta visual art, ci sono alla sua destra il quartetto rock di Tony Pujia, Davide Beatino, Silvio Masanotti, Marco Rovinelli, mentre sulla sinistra il tastierista Alessandro Gwis, il sassofonista/flautista Claudio Pizzale e il fisarmonicista (e suonatore di bouzouki) Michele Ranieri.

Si comincia poco dopo le 21, in un primo tempo di grandi classici, cantati a gran voce dalla platea gremita degli Arcimboldi. Su Spaccacuore e “spara spara spara amore” c’è tutta la grinta del cantautore emiliano che ritrova la voce “persa” qualche mese fa.

Un breve break separa il primo dal secondo tempo. Se sulla parte iniziale l’anima intimista e classica è quella che ha avuto il sopravvento, nella remise l’atmosfera cambia. Spazio alla “socialità”, intesa come setlist creata insieme ai sui fan di Facebook. Ben in 2640 hanno risposto proponendo i loro pezzi preferiti, e Bersani in questa parte di concerto ha voluto accontentarli. Apprezzatissimo il medley di Crazy boy, Che vita! e Settimo cielo, che si conclude con “Canzone”, scritta con Lucio Dalla, cantatissima ed applauditissima al pari di “Giudizi universali”. Il finale è tutto pop con “Freak” e “Coccodrilli”, riarrangiati per l’occasione: sono i pezzi che fanno scatenare gli Arcimboldi e che portano all’encore di Chicco e Spillo e Cosa vuoi da me.

Due ore per un concerto, rimandato di molti mesi, che ha fatto registrare un sold out non così scontato per il cantautore romagnolo che torna sulla scena musicale più protagonista e in forma di prima. Avanti così, Ciao ciao.

SAMUELE BERSANI – Scaletta Milano – 27 Febbraio 2017

Primo tempo
Il mostro
Le mie parole (Pacifico cover)
Lo scrutatore non votante
Occhiali rotti
Il pescatore di asterischi
En e Xanax
Spaccacuore
Psyco
Ferragosto
Cattiva
Come due somari
Replay

Secondo tempo
La fortuna che abbiamo
Una delirante poesia
Crazy boy / Che vita! / Settimo cielo
Canzone (Lucio Dalla cover)
Giudizi universali
Chiedimi se sono felice
Freak
Coccodrilli
– – – – – – –
Senza titoli
Chicco e Spillo
Cosa vuoi da me

La fortuna che abbiamo Tour

4 marzo a Bari al Teatro Palazzo
6 marzo a Catania al Teatro Metropolitan
7 marzo a Cosenza al Teatro Rendano
12 marzo a Firenze al Teatro Puccini
14 marzo a Genova al Politeama Genovese
15 marzo a Bologna al Teatro il Celebrazioni.
Biglietti in vendita a questo link > http://bit.ly/2mO7O7G

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.