MAX GAZZÈ: “La favola di Adamo ed Eva” in concerto a Valencia

Avere 20 e sentirseli tutti in giro per la penisola Iberica… Se la Favola di Adamo ed Eva fosse una persona sarebbe uno studente in Erasmus. É Max Gazzè, il suo creatore, ad esportarla in un tour memorial: dopo le tappe dello scorso 22 novembre a Madrid, 23 a Lisbona e 24 a Barcellona, è la volta di Valencia, per la chiusura di domenica 25.

La sala del Jerusalem Club, alle spalle di Plaza de Toros e del centro storico di Valencia, è gremita già poco dopo le 21: siamo quasi tutti italiani, di varie età, tutti accomunati dalla passione per la musica del cantautore romano. Lavoratori, studenti e turisti in terra straniera, in cerca di casa e di radici, per questa sera regalate dalla musica made in Italy di Gazzè.

Da una piccola porticina al lato del palco l’artista sale con la sua band, sono tutti pronti per regalare un’ora e mezza di live in cui si torna indietro di 20 anni: nel 1998 era uscito il secondo album di Gazzè che gli valse la partecipazione a Sanremo Giovani (quando si era giovani a 30 anni e si partecipava al Festival dopo non poca gavetta). A stretto giro è arrivata la consacrazione ad un più ampio pubblico grazie ai successi dei singoli tratti proprio da questo album.

Oggi, a distanza di due decadi, dopo 8 album all’attivo (più uno in collaborazione con Silvestri e Fabi), altre 4 partecipazioni a Sanremo, tanti concerti in club, palazzetti e teatri, svariati premi vinti, Max decide di tornare al passato con un album scritto vent’anni fa: Perchè? Si può essere nuovamente originali? La traccia di apertura de “La favola di Adamo ed Eva”, risponde da sola: l’uomo è talmente preso da cose superficiali da non riuscire a guardare alla sostanza. Lasciando poi l’apertura del live a “Vento d’estate” ecco l’invito a prendere la vita con più leggerezza: tutto può cambiare da un momento all’altro, tutto può migliorare all’improvviso, e in meglio.

Il live di Favola ripercorre l’album omonimo con una nuovo “ordine”: ecco la bellissima “Raduni Ovali” rendersi protagonista in un assolo di basso di Gazzè, la riproposizione della ghost track “Due apparecchi” con un arrangiamento nuovo, il featuring di “Colloquium Vitae” con Mao riproposto con un nuovo artista, che per chiudere il pezzo con i fogli stropicciati decide di appallottolare la setlist sul palco, generando un simpatico empasse tra i musicisti.

Su “Autoironia” ecco che arriva l’esortazione a vivere con intelligenza, cercando di capire quando è il momento di fermarsi a riflettere ed analizzare la propria vita. Scivoliamo nella parte più pop del live, con “Cara Valentina”, cantata a gran voce da tutti (e in chiusura anche dalla bimba Valentina a cui viene dato per qualche istante il microfono) e “Favola di Adamo ed Eva”, in cui sul finale viene ripresa sulle note soul e molleggiate Get up stand up.

La remise per il breve encore si colora con un siparietto in cui Max&Band fingono di uscire e rientrare dal piccolo palco, nascondendosi in realtà sotto a un telo. “Rientrando” arriva un momento magico su Etereo, che sfocia in una grande festa con Una musica può fare, gridata a gran voce da tutto il club.

Oltre alle molte virtù della musica cantate nel testo di Gazzè, è evidente che la musica può anche cambiare ed risultare sempre attuale: in Favola ci sono brani che sembrano essere precursori della nostra epoca odierna. Gazzè non sapeva cosa sarebbe successo negli anni successivi alla pubblicazione del suo lavoro, ma le sue canzoni così profonde e sincere, riescono ancora a dire, insegnare ed emozionare le generazioni di ieri e di oggi, con l’autenticità di una musica sì orecchiabile ma anche densa di significati “sempreverdi”.

MAX GAZZÈ – scaletta del concerto di Valencia

Vento d’estate
Come si conviene
Raduni ovali
Origine del mondo
Amore pensato
Nel verde
Comunque vada
Due Apparecchi Cosmici Per La Trasformazione Del Cibo
Casi ciclici
Colloquium Vitae
Autoironia
Cara Valentina
Favola di Adamo ed Eva

Etereo
Una musica può fare

Max Gazzè – Tour 2019

Biglietti in vendita a questo link > http://bit.ly/maxgazze2019

3, 4 e 5 gennaio a Torino (Hiroshima Mon Amour)
10, 11 e 12 gennaio a Reggio Emilia (Fuori Orario)
17, 18 e 19 gennaio a Roncade (New Age)
24, 25 e 26 gennaio a Livorno (The Cage)
31 gennaio, 1 e 2 febbraio a Teramo (Pin Up)

Biglietti in vendita a questo link > http://bit.ly/maxgazze2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.