JOSIAH & THE BONNEVILLES: le foto del concerto di Milano

È una musica che viaggia, quella di Josiah and the Bonnevilles e l’album On Trial, ha iniziato il suo percorso proprio in Italia dove, tra l’altro, l’artista aprirà il tour estivo della sua connazionale, LP songwriter americana, proprio come lui.

E la musica di Josiah attraversa gli altopiani e i deserti statunitensi, alimentandosi di un miscuglio che è fatto di folk e blues, di appartenenza geografica (Morristown, Tennessee) e di deviazioni contemporanee, sempre con una punta di malinconia. Forse merito o colpa di una vita artistica che è cominciata presto, con il piano che ha scoperto a otto anni e la necessità di mantenere una famiglia numerosa.

Il viaggio, cui si accennava, fa attraversare al giovane musicista il Sud degli Stati Uniti, gli fa raccontare storie in cui il primo Bob Dylan -la sua inflessione vocale gli deve sicuramente qualcosa- si sposa con un neocountry lirico e contemporaneo, capace di puntare molto in alto.

A fare compagnia alla voce e alla chitarra di Josiah, c’è la sua band, i Bonnevilles; nel nuovo disco, che mette a fuoco le storie di ieri e quelle di oggi, si snodano una decina di canzoni in cui le radici (Back To Tennessee, Please), un po’ di struggimento (London) e una notevole capacità di arrivare senza divagazioni al cuore del pezzo, sono assolutamente convincenti e soprattutto contagiose. Canzoni corali, all’occasione (Appalachia), oppure scabre (Emily), dirette, anche lancinanti, se serve. La release italiana è accompagnata dal videoclip Swing, dove Josiah si presenta come un traveller, un girovago contemporaneo: dai treni di Woody Guthrie al retro di una macchina, mentre la musica mette in fila cinquant’anni di suoni che giocano con la frontiera e il rock.

Un folksinger che vive nel presente, Josiah, che ha trovato una strada che è stata quella di Jayhawks, David Crosby e altri importanti artisti statunitensi, per arricchirla di nuove deviazioni.

Clicca qui per vedere le foto di Josiah a Milano (o sfoglia la fotogallery qui sotto).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.