DEPECHE MODE: reportage, foto e scaletta del concerto di Milano

Articolo di Stefania Clerici – Foto di Roberto Finizio

Lo spirito globale è arrivato anche a Milano! Dopo la data romana che nel week End ha invaso l’Olimpico, Dave Gahan & C. Sono arrivati ad esplodere San Siro, in un concerto evento che ha colorato l’estate milanese.

Apertura del live con i Algiers, alle 21 l’inno dei Beatles “Revolution” fa da prologo alla rivoluzione che da lì a poco si consumerà sul palco di San Siro: a luci spente e quasi in ombra entrano i Depeche Mode con la versione Remix di “Cover Me”. Protagonisti sono i colori pop dei visual proiettati sugli schermi dietro e a lato dello stage; solo con il secondo pezzo “Going Backwards” entriamo nel vivo e lo spettacolo comincia davvero: ad illuminare lo show il glitteratissimo gilet di Dave, a saltare all’occhio la stella argentata e suonante (è una chitarra, sì) di Martin, tutto intorno il suono duro e purtroppo per la location a tratti sporco della band, alternato tra rock e beat in cui i bassi e i colpi di drum scandiscono i tempi del live.

Dave Gahan è in forma smagliante, regala emozioni e balletti, confermandosi il leader carismatico che già abbiamo conosciuto negli anni: i momenti più emozionanti di cui è protagonista sono quando si mette a dirigere l’intero stadio sulla chiusura di “Home”, che insieme a “A question of lust” sono i due brani in cui Martin fa da voce principale al centro del palco. Anche quando sul finale di “In your room” in cui protagonista è il videoclip in cui un uomo e una donna danzano un tango animato, Dave alla chiusa del pezzo riprende il ballo della coppia mettendoci tutta la sua sensualità di cui è gran maestro.

Clicca qui per vedere le foto di Depeche Mode a Milano (o sfoglia la gallery qui sotto).

Sulla chiusa della prima parte di live, con “Wrong” e soprattutto il crescendo di “Everything counts” il pubblico si incendia e parte l’infilzata dei pezzi per cui i 60 mila a San Siro si sono riuniti: la bellissima “Stripped”, la versione tutta elettronica di “Enjoy the silence”, durante la quale uno zoo pop di animali dai colori fluorescenti invade gli schermi del palco e il gran finale di “Never let me down again”, in cui platea e spalti del Meazza si trasformano in un’onda di mani alzate che si muovono all’unisono da sinistra a destra, proprio come Dave sta facendo on stage.

La toccante “Somebody” apre l’encore che vede però come pezzo di diamante la cover dell’amatissimo Bowie “Heroes” riarrangiata per l’occasione su suoni più elettronici. Arriva poi “I feel you”, mentre a chiudere un live memorabile che infiamma lo stadio intero ci pensa “Personal Jesus”.

Sono da poco passate le 23,15 e la messa dei DM è purtroppo finita: il Global Spirit della band è però ben presente e vivo in tutti noi che abbiamo partecipato al live, domani si replica a Bologna, che lo spettacolo che ha travolto Milano colori anche le prossime date di un tour che tornerà il prossimo inverno: il 9 dicembre al Pala Alpitour di Torino, il 13 alla Unipol Arena di Bologna, e poi di nuovo il 27 gennaio 2018 al Mediolanum Forum di Milano. Biglietti in vendita a questo link > http://bit.ly/depeche-mode2017

DEPECHE MODE – scaletta concerto di Milano – 27 Giugno 2017

Revolution (The Beatles song)
Cover Me (remix) (instrumental video intro)
Going Backwards
So Much Love
Barrel of a Gun (with Grandmaster Flash – ‘The Message’ snippet)
A Pain That I’m Used To (‘Jacques Lu Cont’s remix’ version)
Corrupt
In Your Room
World in My Eyes
Cover Me
A Question of Lust (acoustic)
Home
Poison Heart
Where’s the Revolution
Wrong
Everything Counts
Stripped
Enjoy the Silence
Never Let Me Down Again
– – – – – – –
Somebody
Walking in My Shoes (with some bits of the ‘Red Carpet’ Mix)
“Heroes” (David Bowie cover)
I Feel You
Personal Jesus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *