Virtual Time – A-Gò-Gi-Ca

Go Down Records

Terzo lavoro della pentalogia dei Virtual Time, in cui danno più spazio ai sintetizzatori e meno alla chitarre distorte e ai riff veloci. I testi, infatti, trattano maggiormente l’emotività e le sensazioni positive e negative che si vivono nella quotidianità.

Questo disco, infatti, è molto più incentrato sulle ballate elettroacustiche e melodiche, su tutte “Nowhere land” e “Distant shores”.

Tuttavia il quartetto ha diversi archi e tra questi lanciano quello dotato di psichedelia lenta “Moonshadows”, e quello di una un’altra psichedelia, ma non definita, “She”, fino all’intrigante “Falling away” che parte dai presupposti di un brano da frontiera, per poi evolvere verso un sound che si avvicina molto al post-punk.

Un disco che è come un flusso di coscienza, catartico e rigenerante.

Tags

About the author

Vittorio Lannutti

Vittorio Lannutti

Vittorio Lannutti, ricercatore/sociologo delle migrazioni, counsellor, con una grave, cronica ed irreversibile dipendenza da rock.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.