TESTAINTASCA – Fantasia

I fratelli Conte tornano dopo due anni di assenza con un nuovo disco prodotto da Niccolò Contessa (I Cani), già presupposto e dichiarazione d’intenti mica male. E se tutto sembra andare avanti e quell’ dell’it-pop sembrano aver voglia di sperimentare e di muoversi verso distorsioni, chitarre elettriche e quotidianità (vedete Dente che sta combinando), i Testaintasca sembrano volersi conservare verso un’idea di it-pop più vintage, melodrammatico, di chi è ancora fottuto dall’amore, di chi ha ancora voglia di parlare di sigaretta, adolescenza eterna in melodie trascinanti in grado di scatenare cori da stadio. E lo dicono anche loro che sono sempre quelli del 2014.

E sì, in realtà, ora che i The Giornalisti sono troppo famosi e Calcutta fa l’Arena di Verona, è quasi rilassante ritrovare un progetto it-pop scanzonato, che non si prende troppo sul serio, e che fa ridere per la sincerà estrema che si porta dietro, e che non ha paura delle chitarre à la Vasco Rossi (come in Siamo a pezzi) e dei riferimenti culturali pulp, di chi è cresciuto, musicalmente, a pane e musica in rotazione su MTV. Questo disco è la pausa studio, è la colonna sonora e sfogo di quando prendiamo l’autobus per andare a fare pace con quello stronzo del nostro fidanzato, è il disco per tutti quelli che avranno per sempre vent’anni.

Un buon disco, niente da dire, fuori contesto rispetto ai tempi che ci vorrebbero più strani, psichedelici e forse è finito davvero il tempo dei Calcutta di questa generazione, ma ai Testaintasca forse non importa neanche poi tanto. Cinicismo, romanticismo (il più egoista che possiate immaginare, come se aveste ancora quindici anni) e drammi anni Duemila. Consigliato!

Tags

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.