Sine Frontera – Restiamo umani

sinefrontiera2015 Indiebox Music

C’è la voce di Vittorio Arrigoni, il cooperante pacifista ucciso a Gaza ad aprire il nuovo disco del combo mantovano dei  Sine Frontera, Restiamo Umani, un lavoro che sciama parole e “rossori” di fede e cuore lungo undici tracce che scottano di combact folk, reggae, respiri Balcanici, profumi Irish e Mediterraneo, tracce che stimolano il cervello e pulsano di “rivoluzione”.

Molti diranno il “solito disco casinaro da centro sociale”, ma altrettanti diranno che menomale che nella musica c’è ancora chi pensa e suona per “gli altri di serie B”, e queste ballate, queste coscienze saltellanti e illuminate fanno bene allo spirito e scuotono (per quanto possano scuotere) inebetite masse di umanità benpensanti con le “maniglie dell’amore” come salvagente da piroscafo.

Per caricare l’anima ( tra le molte) il moto in levare di Mar dei migranti, il groppo in gola La musica del vento e il vento balcanico che spira e scompiglia il cuore in Balkan, per farsela scoppiare – l’anima – tutto il resto.

Tags

About the author

Max Sannella

Max Sannella

Giornalista che crede che la musica sia la via maestra di tutto per arrivare al tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.