OVLOV – Solo

ovlov2015 Volume Up

Rieccoli quì, dopo un quattro anni in silenzio si rimettono in carreggiata i bresciani Ovlov e con loro un indie-pop che spinge l’acceleratore su radiofonicità sfiziose e melodie grigiastre, del tipo waveing “ottimista” che – senza la consunta fedeltà alla linea stilistica – si rende simpatica e pronta per affrontare attenzioni sonore allargate.

Solo, questo il nome del disco, è un disco agitato, che fa venire voglie di muoversi e di immaginare notti affollate di dancefloor e luci al neon intermittenti, dieci tracce che con una dinamica pulsante e affilata si personalizzano immediatamente ad un ascolto fuori dal mercato inteso come vetrina di banalità, tracce che una volta messe in moto danno il pieno significato a questo percorso luminescente del trio lombardo.
Ottima la vocalist – nonché chitarra – Luisa (Lù) Pangrazio che guida il tutto con una prepotente affabilità scenica, menzione speciale per la partecipazione dell’ex bassista degli Smith Andy Rourke e da annotare il cameo di corde di Xabier Iriondo in Fall in down, poi tutto quello che gira indisturbato su e giù nella tracklist è pura classe artistica a favore della bellezza espressiva.

Potremmo definire il tutto come un’evoluzione alta dell’indie pop, basta sintonizzarsi con le convulsioni di Again, I’m blinded, vivere appieno l’elettro rock che vibra in Delicious o stordirsi tra lo sbattimento ossessivo che percuote My red faux shoes, poi per rimettervi in discussione vi impegnerà sicuramente del tempo.

Destinati a far chiacchierare molto di loro.

Tags

About the author

Max Sannella

Max Sannella

Giornalista che crede che la musica sia la via maestra di tutto per arrivare al tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.