OMAKE – Columns

omake2015  Sherpa Records

Columns è il debutto per Omake – al secolo Francesco Caprai –musicista multiforme che approda ad una forma cantautorale stratificata su territori folky murder, ballate e toni oscuri che caracollano in stadi onirici tra il field ed il pensieroso, nove tracciati  che sembrano un gioco letterario, un plot di un racconto intimo e notturno a più non posso.

Disco pieno di ambizioni ad occhi aperti, un liricame che avanza solenne e spirituale per tutta la gittata della tracklist, in cui l’artista Omake riversa una immaterialità inafferrabile, una colonna sonora rappresa che è tesa e rilasciata nello stesso istante, un elastico emotivo e Caveano che dapprima sturba per poi aprirsi trasformandosi in un geniale excursus sensoriale, Nighthawk.

Quello che potrebbe magari pesare ad un ascolto primaticcio la ripetuta serialità dei timbri e delle onde sonore – sebbene contaminate da beatmaking, elettronica e lampi r&b – che si infrangono ad ogni giro, ma è solo un’apparenza ingannevole che si fa passionevole, sgranata, irraggiungibile Purest love, Like a snake, as an eagle, Slowrunner (Feat. Machweo) un miraggio splendido che si allarga poi all’infinito nelle vibrazioni Hammond che rilascia Woman o nei skyline immaginari disegnati da Florida.

Omake diffonde un sentimento sonoro esportabile e una mid-magia opaca che si fa caleidoscopio all’inseguimento di una certa immortalità vibratile. Due spanne avanti a tanto altro.

Tags

About the author

Max Sannella

Max Sannella

Giornalista che crede che la musica sia la via maestra di tutto per arrivare al tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.