N*E*R*D – Seeing Sounds

N*E*R*D - Seeing Sounds

N*E*R*D - Seeing Sounds

Il ritorno. Il più atteso. Quattro anni di lavoro. Un improvviso scioglimento. Un falso scioglimento.  La falsa pubblicità che manda a puttane il mercato discografico. I contratti che si bruciano, che si firmano. Progetti solisti. Progetti paralleli. Le collaborazioni (per qualsiasi informazione rivolgersi alla signora Ciccone). Le produzioni. I N*E*R*D nella loro veste, nella loro formazione tipo, sotto il loro mondo. Pharrell Williams è l’universo, la mente che domina la scena, il marchio che diventa una linea d’abbigliamento, Mr. Billionaire. Con lui, Chad Hugo, l’altro pilastro, e Shae, il semisconosciuto senza ruolo.

I N*E*R*D e il nuovo, terzo, album, “Seeing Sounds”. In copertina un gorilla. Dodici tracce, cinquanta minuti. “Seeing Sounds”, il patrimonio degli States, il patrimonio della musica nera. Perché questa volta Pharrell e Chad sono soli. Nessun super-ospite. Nessuna sorpresa. “Seeing Sounds” è una bandiera americana, è il pop, è il rock radiofonico, il funky, il soul, il cuore nero. “Time For Some Action” e “Everyone Nose” sono cattivissime, gommose, piene di groove. La parte centrale dell’album viene invece lasciata al rock da classifica, quello di Mtv. “Sooner or Later” è un pastone di sette minuti con tanto di riff finale. Chiudono il (black)pop di “You Know What” e “Love Bomb”.

I N*E*R*D, le anime della black music del futuro. “Seeing Sounds”, l’ennesimo colpo ad effetto di Mr. Pharrell. “Seeing Sounds”, la solita stima, il solito, doveroso, rispetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.