MERIO – Pezzi Di Merio

di Smoking Area

Altra metà dei Fratelli Quintale (eviterò di dire “la metà meno famosa” e di parlare approfonditamente di Frah Quintale, ormai nei loop musicali degli ascolti di tutta Italia), parte imprenscindibile dell’identità della Brescia pop, quella con le scarpe firmate e marchi in vista, quella che riempie all’inverosimile Latteria Molloy, ma allo stesso tempo Merio può vantare un’anima provinciale invadente che rende questo suo debut album solista, autentico, divertente, devastante. C’è chi parla del lato oscuro di Frah Quintale, chi ci rivede Rkomi o Ernia, ma la verità è che Merio ha un’identità precisa, un nuovo romantico nel senso Novecentesco del termine: bello e dannato. Anche i brani più chiari e illuminati, sui quali si può facilmente ballare il sabato sera (prendiamo per esempio Settembre) nascondono in realtà un distintivo lato allucinato, disturbante.

Lo stesso Merio racconta che Pezzi di Merio nasce “dall’essere cresciuto dietro al bancone e dall’affogarci davanti” – Una dichiarazione forte per un nuovo manifesto generazionale di storie di giri in auto, strade notturne, superalcolici sui marciapiedi, voci di chi dice basta, perchè vuole di più su giri psichedelici di synth che fanno da tappeto per le voce, sofferta, calibrata, ipnotica, di Merio. Un disco testardo, di miasmi e sussurri, un rap minimale, solido, categorico, deciso. Personale, ma allo stesso tempo ermetico e inattaccabile, Merio si impone come una delle realtà più interessanti non solo della scena rap, ma di tutta la scena underground italiana, per un songwriting contorto, viscerale, intimo e contemporaneamente essenziale, come chi decide di mettersi a nudo solo quando è sicuro di uscirne bene. Un dono abbastanza raro da apprezzare.

Nuove ingresso in Costello’s Records e presentato in anteprima per Rolling Stone Italia, Pezzi Di Merio non nasce per un successo immediato (anche se comunque se ne già preso parecchio) ma va assimilato e digerito, amato, e vissuto. Ogni brano è una storia, un episodio di una Brescia sotterranea che, se siete pronti, è davvero ora di andare a visitare.

Tags

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.