MASSTANG – Visioni

masstang-visioniBonnot Music / Goodfellas

Visioni è l’album di debutto dei Masstang, quartetto di Urbania (PU) che ispirandosi a band britanniche come Rudimental, Nero ma anche Prodigy, Cypress Hill, Rage Against The Machine, tenta di farsi strada nella difficile “piazza” italiana, dominata dai talent-toy e dagli inestinguibili dinosauri di casa nostra che faranno anche quest’anno bella mostra di sè dal palco di Sanremo.

Il disco, prodotto dall’etichetta di Bonnot degli Assalti Frontali, è il coraggioso tentativo di mettere un po’ di club culture nelle orecchie degli italiani, quando da noi tali influenze faticano a trovare spazio su larga scala (chissà perchè, cari discografici e radiofonici italiani…), spopolando invece oltremanica.

Ognuna delle 9 tracce presenta molteplici deviazioni e velocità, dalle pulsazioni sincopate della trap music alle velocità vertiginose neuro funk e drum n bass, il tutto contaminato da un’anima rock. Si parte da “Black Days” (che ha anche un video, neanche a dirlo girato a Londra, Terra Promessa musicale dei nostri paladini della provincia marchigiana) con la sua esplosione elettronica di un sound tipicamente british ad “Armonix”, un po’ il manifesto del disco, quel Never give up! (non mollare mai!) che è un po’ il filo rosso dell’album, l’esortazione rivolta a se stessi, prima ancora che agli altri, e che il video di accompagnamento spiega benissimo: https://youtu.be/TTfHN1Ax1Uw.

Si passa poi dalla title track “Visioni”, musicalmente ispirata a Prodigy, un viaggio notturno nella nebbia lungo le strade deserte della loro città, scivolando in un crescendo intervallato da momenti in cui la frequenza dei bassi si abbassa, lasciando il campo alla voce della frontwoman Mari accompagnata dalla chitarra di Dante Saudelli, come nella traccia “Ready to shed”.

Anche i bpm del rap trovano spazio in un disco che stupisce per l’energia inarrestabile e la trasversalità di un gruppo che riesce a creare atmosfere visionarie e surreali attraverso un viaggio introspettivo in fuga dal silenzio assordante della provincia italiana.

Sveva Tramin

Info utili sui Masstang:
www.masstang.com
www.facebook.com/masstang.band

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *