LaBase – Antropoparco

1

labase2015 Collettivo Artistico La Noia

Disco secco, senza fronzoli o abbellimenti, veloce, dilaniante e stracolmo di elettricità intima e straniante. Antropoparco è l’esordio tutto watt degli abruzzesi LaBase, trio che suona un rock denso, scariche di pedaliere e distorsori contro chi sfrutta e sollazza i “pochi” a dispetto dei “molti”, una band che va al sodo, un sincretismo rock buio come la notte e pregno di lampi fosforescenti.

Si, nove lampi fosforescenti che impattano immediatamente, una risacca di pathos e sguardi profondi turbolenti che alimenta un ascolto che fluttua tra bordate indie, grunge Il martello, anni Novanta Marlenici Come pietre di calcare,Caos x,  sangue Verdenico Primavera, Dèjàvu  e una tensione magnifica di esasperazione di chi  – con le giugulari turgide – vuole spaccare il mondo creando le prime grette. Mirko Lucidoni chitarra/voce, Antonio Campanella basso e Francesco Amadio alla batteria, conquistano orecchie e sentimenti high –loud, la loro è una guerra elettrica vincente, un fascio di poetica amperica che travalica stereo e coni, ma il magnetismo acuto arriva all’incedere malinconico di Mai una gioia, che con il suo disilluso pensiero incontra la distonia doommata di Alprazolam, ed è lì che la magia oscura dei LaBase esplode in tutta la sua umoralità, in tutta la propria esaltazione estetica.

Tags

About the author

Max Sannella

Max Sannella

Giornalista che crede che la musica sia la via maestra di tutto per arrivare al tutto.

One Response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *