4FIORIPERZOE – Tredici cose che vorrei dirti

4fioriperzoe - Tredici cose che vorrei dirti

4fioriperzoe - Tredici cose che vorrei dirti

Garrincha Dischi
È un progetto ambizioso questo secondo lavoro dei 4fioriperzoe. A cinque anni dall’esordio il trio formato da Matteo Romagnoli, Nicola Manzan e Francesco Brini si conferma come una delle band più interessanti del panorama underground italiano. Se continuano su questa strada usciranno presto dall’underground, perché hanno imparato molto bene la lezione degli Afterhours, vale a dire di essere indipendenti, ma non si disdegna l’orecchiabilità. La formula del terzetto, infatti, è un pop molto raffinato, non a caso i tre musicisti hanno collaborato con il “gotha” dell’indie-pop nazionale: Baustelle, Franklin Delano, non voglio che Clara e tanti altri. A questo disco poi hanno collaborato diversi nomi altisonanti come Emidio Clementi (ne “I nostri santi sentimenti”) e Terje Nordgarden (In “Senza mai ricordare”).
L’orecchiabilità di questi tredici brani ha il piglio del primo Battisti e non a caso propongono la cover di “Ancora tu”. Questo cd può avere il limite di un concept tutto basato sulle difficoltà della relazione di coppia, con un sostrato musicale delicato e nel quale il trio ha saputo ben amalgamare la melodia acustica italiana, (al progetto hanno suonato anche un violoncellista) con alcuni influssi di musica elettronica.
L’andatura del disco ha qualche caduta di tono, con qualche pezzo tedioso come “Niente rimane nel tempo”(in questo si rivela il limite del concept), ma anche momenti di alto profilo come la stessa ballata acustica, con venature blues, “Senza mai ricordare”.

Tags

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.