Effervescent Elephants – Ganesh Sessions

Area Pirata

Gli Effervescent Elephants, uno dei nomi di punta della neo-sixties italiana degli anni ’80, tornano sul luogo del delitto. Eh già!, perché dopo aver lavorato con Claudio Rocchi (Stormy Six) in cabina di regia, per il loro ultimo lavoro in studio nel 2011, decidono di lavorare ancora con quest’ultimo per incidere di nuovo alcuni dei brani che hanno pubblicato negli anni ’80. I brani in scaletta, quasi tutti scritti dal leader, Lodovico Ellena, hanno un’aria totalmente vintage, perché la psichedelia domina il disco.

In omaggio all’autore a cui hanno preso il nome della band, dato che “Efferscent elephants” era un brano del secondo disco di Syd Barrett, il disco ha un ritmo rallentato e ampio e vi trova spazio anche la cover dei Pink Floyd “Asrtronomy domine”. Gli anni ’60 dominano in tutto il disco, tra momenti quasi beat (“December”), velvettiani (“My generation”), da flower power (“Astral raga”), fino all’ottimo blues della cover di Barrett di “Maiza” arrangiata da Ellena.

La conclusione è riservata al remix di “Apollo e le muse”, ad opera di Robby Rave, nella quale elettronica e psichedelia si fondono magicamente.

Tags

About the author

Vittorio Lannutti

Vittorio Lannutti

Vittorio Lannutti, ricercatore/sociologo delle migrazioni, counsellor, con una grave, cronica ed irreversibile dipendenza da rock.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *