CUSTODIE CAUTELARI – Notte delle chitarre (e altri incidenti)

custodieRock, blues, progressive e pop si incrociano in “Notte delle chitarre (e altri incidenti)”, nuovo album delle Custodie Cautelari.

Per gli addetti al settore e per gli appassionati del mondo degli strumentisti quello delle Custodie Cautelari è un nome che non risulterà di certo nuovo.
Attivi dal 1993 e con un curriculum che vanta collaborazioni con artisti quali Irene Grandi, Franco Battiato, Francesco Renga, Elio, Enrico Ruggeri, Alberto Fortis, Eugenio Finardi, Max Gazzè, Neffa, Niccolò Fabi, Alex Britti, Lucio Dalla, Elio, Noemi, Gianluca Grignani, Maurizio Solieri, Alberto Radius, Federico Poggipollini, Ricky Portera, Mario Schilirò, Giuseppe Scarpato, Luca Colombo, Mogol, le Custodie Cautelari sono conosciute anche per “La notte delle chitarre”, mega evento-concerto dove la band divide il palco ai più grandi musicisti.

Ettore Diliberto (voce, chitarre e sintetizzatori), Anna Portalupi (basso e cori), Alex Polifrone (batterie e cori), Salvatore Bazzarelli (tastiere e programmazioni) e Nicola Denti (chitarre elettriche e acustiche) tornano oggi con l’album “Notte delle chitarre (e altri incidenti)”, un album che miscela pop, rock, progressive, blues, rock sudista, musica d’autore e soul in 15 tracce per un’ora e venti di musica.

Ma forse, più della immensa varietà di stili che l’album offre, la peculiarità di questo lavoro sono i tantissimi featuring presenti:ogni traccia ospita infatti da 1 a addirittura 5 collaborazioni.
Fra gli artisti presenti citiamo Matteo Gabbianelli dei kuTso, Stef Burns, Giuseppe Scarpato, Maurizio Solieri, Luca Colombo, Enrico Ruggeri, Alberto Radius, Ricky Portera, Cesareo di Elio e le Storie Tese, il Mito New Trolls, Clara Moroni, Giacomo Castellano, Mario Schilirò, Cico Falzone dei Nomadi, Federico Poggipollini, Marco Ferradini, Gogo Ghidelli, Andrea Fornili, Ricky Belloni, Luigi Schiavone, Andrea Cervetto, e una moltitudine di artisti emergenti ai cori.

Insomma, c’è poco da aggiungere, se non consigliare l’ascolto di questa opera monumentale, assolutamente consigliata a tutti gli amanti della musica suonata.

Tags

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.