CRIMINAL JOKERS – Bestie

42 Records
È inutile negarcelo, siamo prima di tutto bestie, poi grazie alla sovrastruttura dell’educazione diventiamo più o meno civili. I Criminal Jokers con questo disco vogliono proprio ribadirci e ricordarci qual è la nostra vera natura, nonostante ci illudiamo di dimenticarcelo.
I toscani lo fanno con questo loro secondo album, il primo in italiano, nel quale non fanno sconti a nessuno, prendendosela soprattutto con egoisti, presuntuosi e ipocriti. Il tutto corroborato da una struttura musicale dotata di due elementi cardine folk-rock e new wave. La sensazione che lascia questo disco è di rabbia, frustrazione e recriminazione. Non è un disco per tutti, né allegro. Nonostante la loro giovanissima età i CJ sono in grado di scrivere testi molto pungenti, senza slogan, ma con una prosa complessa ed immediata al tempo stesso, come solo i toscani sono in grado di fare.
A proposito, finora non ho ancora citato i Zen Circus, ebbene non è un caso, sebbene i CJ siano vicinissimi in tutto al trio guidato da Appino, a partire dal cinismo che pervade il disco, sono altrettanto in grado di intraprendere una loro strada. In queste dieci canzoni, infatti, si sente che sono nate da loro esperienze più o meno dirette, o almeno da una loro personalissima visione del mondo, che comunque è assolutamente vicina a quella degli Zen Circus.
Tuttavia, c’è un altro gruppo a cui sono accostabili i CJ, si tratta degli ultimi Verdena, per il modo in cui i toscani utilizzano le tastiere e la robotica e scarna new wave. Quest’ultimo genere è ben presente poi anche in brani che risultano vintage, dato che sembrano catapultati dagli anni ’80 (“Adesso mi azlo”, “Da solo non basti”). I toscani si sono fatti le ossa seguendo in tour Nada, la quale ricambia il favore facendo i cori nel complesso ed intrigante “Lendra”. Il sarcasmo invece domina “Fango” e la title-track, dove i giri di rock’n’roll scarnificato con il folk, fanno da contraltare alla greve e disincantata “Nel centro del mondo”.
Con “Bestie” il trio toscano ha realizzato una delle cose migliori prodotte nel 2012, almeno in Italia.

Vittorio Lannutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.