Connect with us

Hi, what are you looking for?

Musica

SYSTEM OF A DOWN: dopo 15 anni tornano con 2 nuove canzoni

I System of a Down tornano con nuova musica dopo 15 anni di assenza. Risale infatti al novembre del 2005 l’ultimo disco “Hypnotize”.

Serj Tankian e soci hanno pubblicato oggi due nuove canzoni “Protect the Land” (accompagnato da un video diretto da Ara Soudjian e dal bassista Shavo Odadjian) e “Genocidal Humanoidz”, disponibili all’ascolto sulle principali piattaforme di streaming e sulla pagina Bandcamp del gruppo.

I proventi ricavati dalla vendita dei brani e della nuova collezione di merchandising della band di origine armene saranno devoluti in beneficenza all’organizzazione Armenia Fund per fornire aiuti alle persone colpite dalla guerra nell’Artsakh.

La band ha dichiarato: Come System Of A Down abbiamo appena pubblicato nuova musica per la prima volta in 15 anni. Il momento per farlo è ora, poiché insieme, noi quattro abbiamo qualcosa di estremamente importante da dire come una voce unificata. Queste due canzoni, “Protect The Land” e “Genocidal Humanoidz” parlano entrambe di una guerra terribile e seria perpetrata nelle nostre patrie culturali dell’Artsakh e dell’Armenia.

Siamo orgogliosi di condividere queste canzoni con voi e speriamo che vi piaccia ascoltarle. Inoltre, vi incoraggiamo a continuare a leggere per saperne di più sulle loro origini e, una volta fatto, spero che tu sia ispirato a parlare delle orribili ingiustizie e delle violazioni dei diritti umani che si verificano ora. Ancora più importante e urgente, vi imploriamo umilmente di donare, in somme piccole o grandi, per aiutare coloro che sono colpiti negativamente da quelli che sono conti sempre crescenti di crimini contro l’umanità.

A sua volta, anche solo scaricando le due nuove canzoni avrai la sensazione che stai davvero facendo la differenza. Questi fondi saranno usati per fornire aiuti cruciali e disperatamente necessari e rifornimenti di base per coloro che sono stati colpiti da questi atti orribili.

Il 27 settembre, le forze combinate di Azerbaigian e Turchia (insieme ai terroristi Isis dalla Siria) hanno attaccato la Repubblica del Nagorno-Karabakh, che noi armeni chiamiamo Artsakh. Nell’ultimo mese, i civili giovani e meno giovani sono stati svegliati giorno e notte dalle immagini e dai suoni spaventosi di attacchi missilistici, bombe che cadono, missili, droni e attacchi terroristici. Hanno dovuto trovare rifugio in rifugi improvvisati, cercando di evitare la ricaduta di bombe a grappolo che piovevano sulle loro strade e case, ospedali e luoghi di culto. Gli aggressori hanno incendiato le foreste e la fauna selvatica in via di estinzione usando il fosforo bianco, un’altra arma vietata.

E perché?

Perché oltre 30 anni fa, nel 1988, gli armeni del Nagorno-Karabakh (che all’epoca era un Oblast autonomo all’interno dell’URSS), erano stanchi di essere trattati come cittadini di seconda classe e decisero di dichiarare la loro legittima indipendenza dalla Repubblica socialista sovietica dell’Azerbaigian i cui confini inghiottirono i propri. Questo portò a una guerra di autodeterminazione da parte degli armeni in Karabakh contro l’Azerbaigian che si concluse con un cessate il fuoco nel 1994, con gli armeni che mantennero il controllo delle loro terre ancestrali e mantennero la loro indipendenza fino ai giorni nostri. La nostra gente vive lì da millenni e per la maggior parte delle famiglie è l’unica casa che loro, i loro antenati e le loro madri abbiano mai conosciuto. Vogliono solo vivere in pace come hanno fatto per secoli.

Gli attuali regimi corrotti di Aliyev in Azerbaigian ed Erdogan in Turchia vogliono non solo rivendicare queste terre come proprie, ma stanno commettendo atti di genocidio impunemente contro l’umanità per raggiungere la loro missione. Contano sul fatto che il mondo sia troppo distratto da COVID, elezioni e disordini civili per denunciare le loro atrocità. Hanno il bankroll, le risorse e hanno reclutato massicce società di pubbliche relazioni per girare la verità e nascondere il loro barbaro obiettivo del genocidio. Non è il momento di chiudere gli occhi.

C’è un bisogno immediato per i cittadini globali di sollecitare i rispettivi governi non solo a condannare le azioni di questi dittatori corrotti, ma anche a insistere che i leader mondiali agiscano con urgenza per portare la pace nella regione e riconoscere giustamente Artsakh come la nazione indipendente che è.

Ci rendiamo conto che per molti di voi ci sono modi più convenienti in cui ti piace ascoltare la musica, quindi considera l’opportunità di scaricare queste canzoni come un atto di carità prima di ogni altra cosa. Pensa al prezzo di listino per i download come una donazione minima e, se ne hai la capacità e puoi essere più generoso con la tua donazione, ogni singolo membro di System Of A Down sarà ancora più grato per la tua benevolenza. Le royalties della band di questa iniziativa saranno donate al Fondo Armenia, un’organizzazione di beneficenza con sede negli Stati Uniti strumentale nel fornire a coloro che hanno bisogno in Artsakh e Armenia con i rifornimenti necessari per la loro sopravvivenza di base.

La musica e le parole parlano da sole. Abbiamo bisogno che tu parli per Artsakh.

Pace,
Daron, Shavo, John e Serj

rilasciato il 6 novembre 2020

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri anche...

Festival

Come precedentemente annunciato, I-DAYS Milano tornerà nell’estate 2021! Live Nation Italia è al lavoro per organizzare la nuova edizione di uno dei festival più...

Festival

A seguito della pubblicazione sulla GU del DL n.33 del 16/5/2020 che, per fronteggiare l’emergenza epidemiologica scaturita dal virus Covid-19 , vieta gli assembramenti...

Concerti

Dopo l’annuncio di Billie Eilish (per la prima volta headliner di un festival italiano il 17 luglio), ora è la volta dei System of...

Festival

In programma da venerdì 23 a domenica 25 giugno alla Visarno Arena, Firenze Rocks segue la tradizione dei grandi festival europei: una tre giorni...