L’EDERA ci consiglia cinque brani per riprendersi dalle vacanze

Zattera è il nuovo singolo de L’Edera, un brano che si propone di descrivere una generazione in balia del vento, ma sempre pronta a salpare.

Con mezzi di fortuna e senza la promessa di una terra che attende. Per l’occasione, abbiamo chiesto al cantautore di segnalarci cinque brani per riprenderci dalla fine delle ferie.

“Estate povera” – I Ministri

Il pezzo che non ti aspetteresti da i Ministri. Però trasmette bene lo spirito malinconico-rassegnato di chi si adatta a passare l’estate in città volente o nolente.

“Sorriso in spiaggia Parte 1” – Verdena

Sfido a mettere i Verdena in una playlist estiva. Per chi ha due giorni di ferie e in spiaggia ci trova le nuvole, ma non demorde e fa il bagno sotto la pioggia.

“Le ferie di metà settembre” – La Municipàl

Il mio pezzo preferito dei conterroni Carmine e Isabella, lo sento particolarmente mio. L’estate di chi lavora in un posto dove gli altri passano le vacanze.

“Io non abito al mare” Francesca Michielin

Calcutta cantato della Michielin mi spezza dentro. Se il mare l’hai visto solo su instagram e alla domanda “come hai passato l’estate?” rispondi “forse è meglio se parliamo di università”.

“Mediterranea” Giuni Russo

No, non Irama. Giuni Russo, la regina senza tempo del bagnasciuga. Ti rifiuti di tornare alla grigia normalità? Meglio affidarsi a un’esperta di fughe estive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.