Pete Doherty a GQ: “i Babyshambles sono finiti”, ma i concerti di Roma e Milano sono confermati

Pete Doherty ha lasciato che si affermasse di lui l’immagine di rocker dannato e stordito. Ed è esattamente l’impressione che ha dato all’edizione del mensile GQ diretta da Carlo Antonelli, che lo ha intervistato per il numero in edicola da lunedì 3 febbraio, a cui annuncia in esclusiva«Penso di dover chiudere con la band (i Babyshambles ndr). Non posso andare avanti, non siamo più un gruppo. Abbiamo un cazzo di turnista alla batteria, non siamo una band, non stiamo insieme. Io vivo a Parigi, loro vivono tutti in Inghilterra. È finita, bisogna prendere una decisione. La festa per i dieci anni della band? Il nuovo album? Tutte cazzate».

Davvero? «Sì, è finita. Non posso continuare. Lo so, mi dispiace, non è quello che vorresti sentirti dire, non dovrei essere così sincero con te ma è così»Ma delle date in Italia, il 27 e il 28 di questo mese a Milano e Roma, cosa  dici? «Sai cosa?». Cosa? «Forse hai bisogno di un traduttore. Pensavo di averti detto che i Babyshambles sono finiti».

Nel frattempo il promoter italiano conferma le date dei Babyshambles in Italia, il 27 Febbraio all’Alcatraz di Milano e il 28 all’Atlantico Live di Roma. E aggiunge che il tour europeo dei Babyshambles sta proseguendo senza intoppi e la band suonando nelle più importanti città europee.

petedoherty-babyshambles

BABYSHAMBLES in Italia:

Giovedi 27 Febbraio – MILANO, Alcatraz
via Valtellina, 25 – Milano
Apertura porte ore 19.30 / Inizio concerti ore 21.00
Ingresso € 30 + d.p., prevendite disponibili su www.ticketone.it

Venerdi 28 Febbraio – ROMA, Atlantico Live
viale dell’Oceano Atlantico, 271/D – Roma
Apertura porte ore 19.30 / Inizio concerti ore 21.00
Ingresso € 27 + d.p., prevendite disponibili su www.ticketone.it

Nessuna band negli ultimi anni è riuscita a dividere il pubblico quanto i Babyshambles. Sono una delle band più amate degli ultimi anni, autentici portavoce del british sound e rappresentanti dello status di rockstar come pochi altri artisti. Peter Doherty e compagni sono in procinto di pubblicare il nuovo album, terzo della loro carriera (seguito di ‘Shotter’s Nation’ del 2007 e ‘Down in Albion’ del 2005). ‘Sequel to the Prequel’ è uscito a Settembre per Parlophone/Warner.

‘Sequel …’ è stato registrato a Parigi negli studi Question Du Son e mixato a Londra presso The Bunker, con il produttore e collaboratore di vecchia data Stephen Street. Pieno di rimandi e di humour, il nuovo disco racchiude i migliori testi che la band abbia composto finora, carichi sia di tenerezza che di comicità. Chi ha già avuto la fortuna di ascoltarlo lo ha definito il lavoro dei BABYSHAMBLES meglio riuscito ad oggi. Molte delle canzoni contenute nel nuovo lavoro dei Babyshambles erano state scritte da Pete Doherty per il suo secondo album solista, ma una volta finite in studio con il resto della band ha deciso che dovessero essere suonate dai Babyshambles e non solo da lui.
Peter Doherty ha recentemente dichiarato ad NME, “non voglio che sia una mezza roba, voglio farlo sentire a tutti, forte e chiaro. Non è un ritorno per i Babyshambles perchè non siamo mai andati via”. Un disco curato nel minimo dettaglio a partire dalla bellissima copertina realizzata dal celebre artista Damien Hirst, da sempre fan di Peter Doherty.

Il nucleo della band è composto da Pete Doherty, Drew McConnel, Mick Whitnall e Jamie Morrison, già dietro le pelli per Noisettes, Duffy, Gabriella Cilmi, Martina Topley Bird, KT Tunstall, Fionn Regan, e nell’ultima incarnazione delle superstar della Motown Martha Reeves and the Vandellas. Dal vivo gli Shambles hanno sempre dato il meglio di se grazie ad un letale mix di punk e e brit rock, condito dall’incredibile carisma di Peter Doherty.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.