“La Storia del Punk”, esce il 13 Ottobre il libro di Stefano Gilardino

Esce il 13 ottobre per Hoepli “LA STORIA DEL PUNK” di Stefano Gilardino, dalle origini allo scoppio del 1976, fino alle ultime evoluzioni stilistiche degli anni duemila – compra il libro su Amazon.

“Nessun futuro” cantava Johnny Rotten mentre i Clash rispondevano a tono con “No a Elvis, no ai Beatles e ai Rolling Stones”. Il 1976 è stato l’anno zero della storia del rock, quello in cui la musica è ripartita da capo, con nuove energie e influenze inedite. Il punk rock, al contrario del suo slogan più celebre – nessun futuro, appunto –, ha dimostrato invece di averne uno molto brillante e non solo in campo musicale.

Memore delle proprie radici, quelle di Stooges, Velvet Underground, New York Dolls e MC5, il punk ha cambiato il corso della storia con i Sex Pistols e i Clash nel Regno Unito e con i Ramones negli Stati Uniti, prima di evolversi in decine di sottogeneri altrettanto rivoluzionari come hardcore, post-punk, emo, metalcore, ecc.

Concepito a immagine e somiglianza de La storia del rock (con grandi sezioni e capitoli specifici arricchiti da box con curiosità, citazioni, analisi dei brani, luoghi cult, discografie e un’ampia sezione conclusiva dedicata alla scena italiana), il libro è un “must” per ogni appassionato di musica.

I CAPITOLI
compra il libro su Amazon
1- KICK OUT THE JAMS – Il proto-punk e le origini
2- GOD SAVE THE QUEEN – Il punk rock nel Regno Unito (ed Europa)
3- BLANK GENERATION – Il punk rock negli Stati Uniti
4- HERE ARE THE YOUNG MEN – Post-punk, new wave, no wave…
5- RISE ABOVE – La prima scena hardcore
6- KILL YR. IDOLS – L’evoluzione dell’hardcore, la nascita dell’indie rock
7- WELCOME TO PARADISE – Il punk conquista le classifiche
8- PUNK IS DEAD? – Gli anni Zero
9- ART ATTACK – Punk e… cinema, letteratura, design, fotografia…
10- ANDATE A LAVORARE TEPPISTI! – Il punk in Italia

AUTORE
Stefano Gilardino, scrittore e giornalista musicale, ha iniziato la carriera in proprio, creando la fanzine punk hardcore Senza Nome, all’inizio degli anni Ottanta. È stato redattore di importanti riviste italiane come “Rocksound”, “Speciale Punk”, “Onstage Magazine”, “Dinamo” e “Vida”, e collaboratore di “XL/Repubblica”, “Rolling Stone”, “Bam! Magazine”. Ha scritto il libro 100 dischi ideali per capire il punk (Editori Riuniti, 2006) e collaborato alla stesura delle schede di 1000 concerti che ci hanno cambiato la vita di Ezio Guaitamacchi (Rizzoli, 2010). Nel 2015 ha fondato l’etichetta Intervallo, dedita alle ristampe di sonorizzazioni sperimentali italiane degli anni Settanta. Vive e talvolta si diverte a Milano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *