Gli esami non finisconono mai: intervista a MIVERGOGNO

di Thanks For Choosing

Nuova firma per Dischi Sotterranei. E’ strano, irriverente, sfacciato, suona come una sbronza assurda che si prende in casa di amici, come un pugno dal proprio migliore amico, a cui segue una risata. Pazzo completo ma con quella malinconia di fondo che vi conquisterà a primo ascolto. Il suo primo singolo s’intitola Esami, in attesa di un album di cui non vediamo l’ora di parlare. Nel frattempo abbiamo scambiato quattro chiacchiere, minimali, con lui.

Chi è MIVERGOGNO e di cosa si vergogna?
Mivergogno è Gatto Daniele, batterista picchiaduro beviforte scopatutto spacco bottiglia brucio famiglia, che si vergogna di dire che l’amore, i fiori e i prati e la loro semplicissima bellezza sono fra le cose più belle del mondo.

Ma soprattutto, di cosa non si vergogna?
Di suonare la batteria in pubblico, solo questo, per il resto Mivergogno.

Un primo singolo molto basic e allo stesso tempo intimo e piuttosto straziante.
Che cosa ci dobbiamo aspettare dai tuoi prossimi singoli?
In realtà più che straziante è un “ehhhhh lo so, ma è bello cosi”. prossimi singoli? credo cose belle

Quali sono gli esami di cui hai più paura?
Quelli del sangue per la patente. due coglioni…

Quali artisti possono essere associati a quello che fai tu, se proprio dovessimo tracciare una scena?
Non saprei, forse il Vasco Rossi dei primi album, gli altri ditemeli voi

Come è stato registrato Esami?
Non sapevo come farla, mi funzionava solo voce e chitarra, quindi un giorno ho mandato tutto affanculo, l’esplosione finale è un grande gigantesco e tridimensionale vaffanculo ai pensieri i problemi e gli intoppi.
Quindi direi, è stato liberatorio.

Tags

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.