AMA IL LUPO ci svela il contenuto del suo “Frigo”?

Amedeo Mattei è AMA, campano di nascita ma dall’indole migrante, già voce e testi degli Animali Urbani, progetto Wave Elettronico nato nel 2018, prende in mano tutti i suoi appunti, ne segna altri, alcuni li perde nei traslochi, e ne fa diario di bordo di una vita da marinaio senza mare, da lupo senza branco. Pezzi che nascono chitarra e voce ma che amano uscire fuori la sera con synth e drum-machine. Della propria storia è impossibile decidere, dove nascerai, cosa ti capiterà, quanto alto e bello sarai. Potrai sempre decidere però a che velocità andare, come rispondere agli schiaffi, con quali salse condire il tuo panino.

E allora AMA il tuo tempo, AMA ciò che fai, AMA gli imprevisti, AMA il tuo respiro, AMA la tua rabbia, AMA il lupo.

Frigo è il nuovo brano di ama il lupo pubblicato il 18 settembre da Le Siepi Dischi e distribuito da Artist First in digitale su tutte le piattaforme di streaming. Frigo è la descrizione emblematica dell’altalena che l’amore ci regala: un susseguirsi di su e giù, di fiati sospesi e cadute nel vuoto.

Partiamo dalla scelta del nome, AMA IL LUPO, un gioco di parole con il tuo nome di battesimo e immagino, con la tua attitudine alla vita, corretto?
Ho sempre detestato la frase CREPI IL LUPO, io che adoro i loro discendenti cani.
Nell’ imperativo AMA in più ci sono le iniziali del mio Nome e Cognome. Amare intenso come vivere qualunque esperienza con la giusta passione. È stata una scelta facile.

Frigo è il titolo del tuo nuovo singolo, un brano in cui si sente forte il senso di inadeguatezza, ti sei mai sentito sbagliato?
Sbagliato forse no. Ma ho capito che il concetto di tempo e intensità è evidentemente soggettivo. Una cosa che non sopporto però è rimanere sospeso, essere messo in stand-by…o in frigo.

Nei tuoi brani c’è sempre una buona componente elettronica, come nasce una tua canzone?
le canzoni nascono spesso chitarra e voce. A volte mi servo del pianoforte. Ma poi mi piace l’idea di arricchirle, di non fermarmi al primo arrangiamento. È importante per me creare un sound e una metrica che non siano già sentiti.

Parliamo ora del rapporto con la tua etichetta, Le Siepi Dischi, come è nato e come si sta sviluppando?
Il rapporto con LE SIEPI è super. Conosciuti un annetto fa, sono riusciti a creare una connessione meravigliosa tra noi artisti dell’etichetta. C’è molta stima e rispetto reciproci. Non finirò mai di ringraziarli.

Spaceboy, il singolo che ha sancito il tuo debutto come solista, racconta invece del rapporto con tuo figlio, ti va di parlarne?
non basterebbero 10 pagine per descrivere la bellezza del continuo scambio che può esserci con tuo figlio. Lo auguro a tutti. Con Spaceboy, oltre ad essere il protagonista del videoclip e la seconda voce del brano, Jordi e i suoi 10 anni mi sono serviti a ricordare i miei pensieri alla sua età, e la voglia di essere sempre me stesso, sin da allora.

Ho parlato di debutto come solista perché appunto hai anche un progetto in duo con gli animali urbani, come mia la scelta di operare su due fronti?
Animali Urbani è un progetto Wave, che combina Rock ed Elettronica. Adoro il Mood che creiamo perché parte del mio background musicale viene proprio da lì. Con Ama il lupo però volevo mettermi alla prova con quella che è la mia attitudine più melodica, romantica, nostalgica.

Lasciamoci con un saluto ai lettori di rockon…
Chi legge Rockon è già sulla buona strada. È rivoluzionario andarsi a scoprire musica e artisti nuovi, non convenzionali. Vi auguro di non perdere mai la giusta curiosità. Un abbraccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.