Keith Richards: in arrivo la ristampa del suo primo album solista “Talk Is Cheap”

Nel 1988 è uscito il primo album solista di sempre di Keith Richards, “Talk Is Cheap”, una master class di undici brani su tutto ciò che ci può essere di buono nel rock ‘n roll.

Tutto è iniziato nel 1986 quando Keith era irrequieto. Gli Stones non erano attivi e come ha dichiarato lui stesso era uno di quei momenti “forget about it”. Aveva lavorato con il batterista Steve Jordan per il film di Chuck Berry “Hail Hail Rock ‘n Roll” ed era alla ricerca di una nuova sfida. Non aveva mai preso in considerazione l’idea di fare un album come solista e ammette di essere stato inizialmente “trascinato scalciando e urlando” nello studio di registrazione.

Durante la sua leggendaria carriera con i Rolling Stone è sempre stato un one band man. “Il mio focus principale è sempre stato questo.” dice Keith. “Sentivo che negli Stones avevo il mezzo perfetto per quello che volevo fare. Non potevo immaginare che mettere insieme qualcos’altro sarebbe stato altrettanto appagante.”

Fortunatamente ha dato vita agli incomparabili X-Pensive Winos. Sono stati come una band fin dall’inizio, con il chitarrista Waddy Wachtel, un’ovvia aggiunta a Steve Jordan. “Waddy ed io siamo come Ronnie e me” dice Keith. “Nel giro di cinque minuti è come se ti conoscessi da tutta la vita.”

Con Charley Drayton, al basso e percussioni, da tre sono diventati quattro, poi cinque con il cantante e tastierista Ivan Neville. Sono tutti polistrumentisti, musicisti a tutto tondo che hanno fondato un camp a Le Studio, in Quebec. Isolato dalle distrazioni delle grandi città, la musica ha iniziato a scorrere fin dall’inizio. “C’era un treno che stava passando e tutto quello che dovevo fare era aggrapparmici.”

Uno dei primi brani che hanno registrato è stata l’esplosiva ‘Take It So Hard’, un classico un po’ tirato ma immeditato che spiega in maniera semplice perché Keith sia soprannominato il riff umano. Definisce la musica rock moderna.

Più tardi le registrazioni si sono spostate a Montserrat, nelle Bermuda e altri locali con apparizioni di ospiti stellari come Sarah Dash, Bootsy Collins, Maceo Parker, i Memphis Horns, Patti Sciafia e Mick Taylor.

C’è una gioiosa spavalderia in “Talk Is Cheap” che permea ogni singola canzone. Suona bene oggi come faceva trent’anni fa – per dirlo con le parole di Keith “fresco come il giorno in cui è stato fatto”. Questa ristampa include 6 bonus track, quattro delle quali vedono la collaborazione del pianista Johnnie Johnson, compresa “Big Town Playboy” di Eddie Taylor, “Blues Jam”, “Slim” e la cover di Jimmy Redd “My Babe”.
Il Super Deluxe e il Deluxe box set includono speciali, una custodia e stampe esclusive, le note complete di Anthony De Curtis che raccontano la storia della produzione dell’album, l’impatto culturale con la sua uscita, foto inedite e memorabilia rari.

“Questo album resiste”, dice Keith Richards. “L’ho ascoltato e non attraverso la nebbia della nostalgia, perché non mi influenza in questo senso. Questo disco è più della somma delle sue parti. Lo ammiro davvero. Ci stavamo divertendo e si sente. ”


“Talk Is Cheap” uscirà in formato CD, vinile, Deluxe e Super Deluxe box set.

“Talk Is Cheap” CD e vinile tracklisting:
Big Enough
Take It So Hard
Struggle
I Could Have Stood You Up
Make No Mistake
You Don’t Move Me
How I Wish
Rockawhile
Whip It Up
Locked Away
It Means A Lot

‘Talk Is Cheap’ Deluxe & Super Deluxe Box Set include queste bonus tracks:
Blues Jam
My Babe
Slim
Big Town Playboy
Mark On Me
Brute Force

‘Talk Is Cheap’ Deluxe Box Set inoltre include
180g LP album &180g LP con materiale bonus
Singolo 7” (Take It So Hard / I Could Have Stood You Up)
Singolo 7” (Make No Mistake / It Means A Lot)
CD album & CD con materiale bonus
Libro di 80 pagine contenente un saggio di Anthony De Curtis, nuove interviste con with Keith Richards e foto
Memorabilia: 1 laminato del tour, 2 note sui testi, invito di “Talk Is Cheap”, plettro del tour e 2 poster
Confezionato con il materiale dei case delle chitarre Fender

‘Talk Is Cheap’ Super Deluxe box set
Limitato e numerato
Tutto quello che è contenuto nel Deluxe Box set
Un involucro esclusivo unico nel suo genere che replica la chitarra Fender preferita di Keith “Micawber”
Confezionato a mano in legno di frassino prodotto artigianalmente presso il Fender Custom Shop in California

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.