45 anni di ROXY MUSIC: esce il 2 Febbraio un versione speciale dell’album d’esordio

Dal 2 Febbraio 2018, un lussuoso box set che contiene 4 dischi (3CD/1DVD) con demo, outtakes, session radiofoniche, filmati inediti, un libro di 136 pagine e l’intero album remixato in 5.1 da Steven Wilson. Roxy Music sarà disponibile anche in digitale, 2CD DeLuxe e LP con vinile 180g e half-speed mastering.

Raramente esce un album che cambia non solo le regole del gioco, ma il gioco stesso, aprendo nuove possibilità per la musica. Alla fine degli anni ’60 The Velvet Underground & Nico fu uno di questi. Il 16 giugno 1972 ne arrivò un altro: l’album d’esordio dei Roxy Music.

Fin dalle prime parole di “Re-Make/Re-Model”: “I tried, but I could not find a way, looking back all I did was look away”, fino all’ultima frase dell’ultima traccia (“Should make the cognoscenti think”) fu subito chiaro che il debutto dei Roxy Music non era un album come gli altri.

Nel momento in cui venne pubblicato la band aveva all’attivo non più di 10 concerti e le loro canzoni non si somigliavano minimamente l’un l’altra tanto che i critici musicali non seppero come inquadrarli.

45 anni dopo, grazie al supporto della band, possiamo ascoltare l’album così come i Roxy l’avevano concepito e sviluppato. Il cofanetto ci offre una visione elettrizzante di quel che erano i Roxy Music nel 1971/1972, cominciando dal demo che attirò l’attenzione del giornalista Richard Williams e che alla fine li fece firmare con la Island Records.

Nel cofanetto ci sono le John Peel BBC Sessions durante le quali il gruppo affinò la propria tecnica prima dell’album di debutto. Il secondo CD testimonia il metodo di lavoro in studio dei Roxy Music. Oltre al primo singolo Virginia Plan ci sono versioni alternative per ogni traccia dell’album. Queste nuove versioni sono state mixate da Frank Arkwright ad Abbey Road.

Il DVD include promo e passaggi alla BBC, un raro girato dei Roxy al Bataclan Club di Parigi nel novembre del 1972, l’unico reperto video di questa line up in concerto. Steven Wilson ha missato l’album in 5.1 DTS 96/24 e Dolby AC3 Sound.

Il cofanetto contiene anche un libro di 136 pagine con molte fotografie rare e inedite, e un saggio del giornalista e autore Richard Williams, che per primo scrisse del gruppo su Melody Maker, nel 1971.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.