SKUBA LIBRE: ascolta in anteprima “Regole D’oro”

Venerdì 22 dicembre 2017: ultimo giorno prima delle feste di fine anno. Giorno ideale per la pubblicazione di “L’ULTIMA LUCE”, il nuovo lavoro discografico di SKUBA LIBRE che è stato anticipato da due singoli, la title track stessa e l’ironica “Gastroscopia”.

Undici brani che mostrano le diverse contaminazioni che da sempre caratterizzano l’hip hop di SKUBA LIBRE, che ama giocare con i generi e gli stili. Ci sono infatti brani dal tiro pop, che escono dalla classica logica di struttura ed interpretazione dell’immaginario rap (“Il prossimo giro”, “Tanto così” etc), e altri in cui la matrice culturale e sonora hip hop è più forte (“20% di anima”, “Con i cattivi”…).

L’album è stato interamente prodotto da Big Fish, inequivocabilmente Il Produttore di riferimento per la scena hip hop / urban italiana sin dagli anni ’90: fra le sue produzioni pù recenti ricordiamo “Stavo pensando a te” di Fabri Fibra (del quale ha prodotto anche gli album “Tradimento”, “Pensieri scomodi” e “Bugiardo”), “El Party” di Jake La Furia, “Sto bene così” di Rocco Hunt, l’album “Terza stagione” di Emis Killa (prodotto da Big Fish sin da “L’erba cattiva” del 2012).

“L’ULTIMA LUCE” è una tappa importante nel percorso artistico di SKUBA LIBRE. L’artista si è formato artisticamente nella scena rap, pubblicando diversi dischi sia da solista che col gruppo Ira Funesta (attivi fra il 2000 e il 2009), e vantando collaborazioni con artisti del calibro di Tormento e Primo Brown. La ‘maturità artistica’ viene raggiunta attraverso la contaminazione del suo rap con diversi mondi musicali: un esempio sono i tre brani presentati a Italia’s Got Talent (di cui raggiunge la finale nel 2015), dove ha reinterpretato “Il Volo del Calabrone” di Rimski-Korsakov, “Ave Maria” di Schubert e “Gloria” di Vivaldi, stupendo il pubblico e costruendosi così una fanbase capace di varcare i confini della scena prettamente rap. “Ave Maria” e “Gloria” sono poi diventati singoli ufficiali, pubblicati dall’etichetta The Beat Production che ora presenta “L’ULTIMA LUCE”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.