MERCHANDISE: al via stasera il tour di 4 date (Piazzola sul Brenta, Milano, Roma e Bologna)

La band di Tampa arriva in Italia per presentare l’attesissimo nuovo album AFTER THE END, uscito a fine agosto per 4AD, acclamato da pubblico e critica e già in tutte le classifiche dei migliori dischi del 2014. La band lancia oggi il nuovo video per ‘Telephone’, frutto della collaborazione con lo stimato artista scozzese John Byrne.

MERCHANDISE

MARTEDI 11 NOVEMBRE 2014
PIAZZOLA SUL BRENTA (PADOVA) – SHOCKANDO Festival
ingresso gratuito

MERCOLEDI 12 NOVEMBRE 2014
MILANO – BIKO
support: I’M NOT A BLONDE (BUT I’D LOVE TO BE BLONDIE)
via Ettore Ponti 40, Milano
ingresso 12 euro + dp

GIOVEDI 13 NOVEMBRE 2014
ROMA – INIT club
Via della Stazione Tuscolana 133
ingresso 12 euro + dp

VENERDI 14 NOVEMBRE 2014
BOLOGNA – COVO

‘Telephone’ è stato girato all’inizio di quest’anno ad Edimburgo. Il video è una versione moderna della famosa opera di John Byrne The Slab Boys in cui i membri della band, Carson, Dave e Pat interpretano i ruoli resi famosi in precedenza da Robert Carlisle, Robbie Coltrane e Alan Cumming, e nel 1983 interpretati da Kevin Bacon, Val Kilmer and Sean Penn a Broadway. Il video include un cameo dello stesso John che ha detto di loro:”Un piacevolissimo gruppo di ragazzi, veramente di talento – stanno per diventare dei BIG, non ci sono dubbi –E’ stato fantastico lavorare con loro e che Dio li benedica -. molto, molto intelligenti E divertenti”

I Merchandise si formano nel 2010 a Tampa, nella calda e musicalmente attiva costa della Florida. Conosciuti inizialmente come Dry County, il trio affonda le sue origini alla musica punk ed hardcore, influenze che si ritrovano solo parzialmente nei dischi della band, che ha abbracciato negli anni sonorità più pop e melodiche, senza però perdere la verve iniziale.

merchandise

Il disco di debutto, (Strange Songs) In The Dark, del 2010, nonostante sia stato scritto nella stanza da letto di Carl Coxon e registrato con strumenti “artigianali”, ha avuto un riscontro insperato, ma è stato nel 2012, con Children Of Desire, secondo disco accompagnato da un libro – nato dai testi delle canzoni dello stesso album -, che è arrivato il successo. Nell’aprile 2013 è stata la volta di Total Nite, il terzo lavoro, per l’etichetta Night People, definito da Pitchfork ed NME, come uno del migliori album dell’anno.

Se le loro influenze sono troppo complesse per poter classificare il loro suono come punk, certamente il gruppo si è basato sulla sua etica per costruire quello che ha ottenuto finora. I Merchandise curano ancora personalmente le registrazioni e le produzioni dei loro album, che nel caso di After The End è nato in un periodo di sei mesi nella casa che condividono a Tampa. L’album è una dimostrazione importante di quanto un gruppo possa ottenere in termini di stile e personalità lavorando in completa autonomia.

L’unica influenza esterna è stata infatti Gareth Jones, che si è occupato del mixaggio. Nel suo notevole curriculum troviamo la trilogia berlinese dei Depeche Mode (Construction Time Again, Some Great Reward e Black Celebration), Interpol, Grizzly Bear e These New Puritans.

Come il titolo dell’album suggerisce, i Merchandise sono ancora in evoluzione. In questo album la formazione si è allargata e comprende Carson Cox (voce e chitarra), David Vassalotti (chitarra), Patrick Brady (basso) e i nuovi ingressi Chris Horn (chitarra / tastiera / sax) e Elsner Nino (batteria).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.