NATHAN FAKE: sabato 3 Dicembre in concerto al Mame Club di Padova

Nathan Fake, il piccolo genio dell’elettronica UK sabato 3 Dicembre in concerto al Mame Club di Padova. Il 2 dicembre esce il nuovo singolo a distanza di quattro anni dall’album-cult Steam Days.

Nathan Fake

Open act: KAMA
AfterShow: SPIN UP
Sabato 3 dicembre 2016 – PADOVA
Mame Club Via Fra’ Paolo Sarpi, 48

Apertura porte: 22.00
Opening act: 23.00
Nathan Fake: 00.00

Prevendite a € 10 disponibili su MailTicket: mailticket.it/evento/9045
Evento: facebook.com/events/311054199267310

Le melodie spaziano tra gli Orbital, i Mogwai e i Boards Of Canada. E a tratti le atmosfere islandesi di Björk, Mum e Sigur Rós. Il suo talento si è fatto sentire anche ai maggiori astri della trance, come Paul van Dyk e Armin van Buuren, il suo primo pezzo, Outhouse, è stato inserito come seconda traccia nell’album “Big Room Trance”.

Nathan Fake, musicista inglese originario della contea di Norfolk, ha cominciato a comporre musica elettronica sin da giovanissimo. Già all’età di 20 anni realizza il singolo Outhouse, un pezzo che di fatto è entrato nella storia della techno. Successivamente si ripete con “watlington street EP” sulla SAW di Satoshi Tomiie, mentre in autunno del medesimo anno esce il singolo “The Sky Was Pink”, remixato da James Holden, classe ’80, boss della Border Community. Il brano riscuote immediatamente un grande successo, tanto da venire definito a breve un “instant classic”. Le melodie spaziano tra gli Orbital, i Mogwai e i Boards Of Canada. E a tratti le atmosfere islandesi di Björk, Mum e Sigur Rós.

A distanza di quattro anni dall’ultimo album intitolato Steam Days, Nathan Fake ha annunciato il 9 novembre, di aver firmato per l’etichetta Ninja Tune, con la quale darà alle stampe un nuovo album la cui pubblicazione è prevista per il prossimo anno. Nel frattempo, il producer ha pubblicato un primo singolo in collaborazione con Prurient / Vatican Shadow, intitolato Degreelessness. Degreelessness sarà disponibile nei digital store in versione 12″ a partire dal 2 dicembre, mentre per il nuovo album, di cui ancora non si conoscono i dettagli, occorrerà aspettare il prossimo anno.

Nel 2009 pubblica un nuovo mini-album composto da 6 tracce, intitolato “Hard Islands”. Nell’album Nathan ribadisce la sua bravura nel mescolare il suo classico timbro sonoro al ritmo della techno da ballo, strizzando sempre l’occhio ai grandi come Aphex Twin, Boards of Canada, Röyksopp e alla musica “acid” in generale. Nel 2011 esce un rmx per un brano tratto dall’ultimo album dei Radiohead, pubblicato in tiratura limitata. Il terzo album si chiama “Steam Days” ed è uscito nel 2012. Nel 2014 fonda la sua etichetta Cambria Instruments assieme a Wesley Matsell, la prima release è uno split tra i due artisti.

SPIN UP è una collaborazione che nasce dalla sinergia di tre dj/producers padovani: Idga (51beats), iskø (Electronic Fog) e Sergio Wow! (Nimiq Records). Pur provenendo da background musicali significativamente distanti gli stili convergono verso un elegante mashup elettronico.

La costante ricerca musicale è un elemento caratterizzante del trio, capace di declinare beat ed emozioni in relazione all’ambiente da sonorizzare. Ne è la conferma proprio la scelta del supporto musicale, il vinile, dietro cui non si nasconde alcuna ortodossia euristica, bensì solo passione per l’arte e le avanguardie. Deep House, Nu Disco, Techno, Breakbeat, IDM, Bass, Electronic e molto altro: all’orecchio dell’ascoltatore il sound di SPIN UP risulta piacevolmente grave e dark, ma al tempo stesso energico, ironico, liberatorio, moderno.

Prossimi eventi al Mame Club di Padova

8/12 Dari in concerto. Opening Act: Walter Fontana
16/12 Diaframma performing Siberia
17/12 His Clancysness
23/12 Ska J
4/01 Coez

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *