ANGEL OLSEN in concerto a fine agosto a Romano D’Ezzellino (VI) e Torino

Quello della discesa nelle tenebre è un tema ricorrente e sempiterno, che ritroviamo costante nel tempo, attraverso la storia, la letteratura e il cinema: il protagonista si tuffa, e sprofonda sempre di più, sopra di lui l’abisso. Poi c’è una scala bianca che sale verso l’ignoto: ogni gradino, ogni curva richiede più audacia e più sicurezza rispetto a quello precedente.

È questo il viaggio di Angel Olsen, che arriverà in Italia in agosto con il tour del suo quarto album, il sontuoso, orchestrale “All Mirrors”.

ANGEL OLSEN

27 agosto 2020 — Romano D’Ezzellino (VI), AMA Music Festival
Biglietti in vendita a questo link > www.mailticket.it

28 agosto 2020 — Torino, sPAZIO211 / TOdays festival
Biglietti in vendita a questo link > http://bit.ly/todays2020

Partita da un folk sognante e introspettivo, la cantautrice del Missouri ha saputo ritagliarsi in breve tempo uno spazio originale imponendosi come una istituzione del cantautorato femminile a stelle strisce. Merito di una vocalità magica e di un eclettismo notevole, che spazia dal twee-pop dei 60’s al garage, dalla tradizione country al più vitale indie-rock.

L’arte della Olsen si presenta densa, imponente, un torrente lirico capace di piegarsi a ogni singola sfumatura emotiva, supportato da una delle voci più caratteristiche e versatili dell’ultimo decennio.

Angel Olsen nasce il 22 gennaio 1987 in quell’antico baluardo sudista sulle rive del Mississippi, nel profondo Sud degli States. A tre anni viene adottata da una famiglia affidataria che si era presa cura di lei da poco dopo la sua nascita. Il rilevante scarto di età con i genitori le lascerà un segno profondo: “Poiché ci sono così tanti decenni di differenza tra noi, mi sono interessata a come era la loro infanzia – ha raccontato Angel – Ho fantasticato su come fosse essere giovani negli anni 30 e 50, più degli altri bambini della mia età”.

Vederla dal vivo sarà un’esperienza totalizzante, distruttiva e rigenerante, tra l’angoscia e la beatitudine, lasciandoci ammaliare e condurre da Angel Olsen nelle profondità del suo abisso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.